Italia-Armenia a Napoli, iniziativa su Facebook “Fischia l’inno italiano”

Oramai i social network vengono utilizzati da tutti e per tutti gli scopi, per cose buone e cose meno buone. L’ultima iniziativa nata sulle pagine del popolare Facebook è la creazione dell’evento intitolato: “Fischia l’inno italiano! Sventola le bandiere borboniche! Noi non siamo italiani”.

L’evento è stato creato per invogliare i napoletani a fischiare l’inno italiano durante la partita di qualificazione ai Mondiali 2014 in Brasile che la Nazionale italiana giocherà il 15 ottobre contro l’Armenia. L’0rganizzatore dell’evento ha anche ben spiegato i motivi per cui, secondo lui, si dovrebbe fischiare l‘inno di Mameli che sarà intonato prima della partita: per far sentire il dissenso contro uno Stato che ha rovinato e distrutto il sud italia per 150 anni e per far sentire il dissenso e la frustrazione dei napoletani e di tutti i meridionali.

foto san paolo

Se dovesse realizzarsi tale iniziativa di certo non sarebbe la prima volta che i napoletani fischiano l’inno italiano. L’ultima volta è accaduto all’Olimpico di Roma in occasione della finale di Coppa Italia tra Napoli e Juventus poi vinta meritatamente dagli azzurri. In quella occasione l‘inno di Mameli fu sonoramente fischiato dai supporter azzurri tanto che il il presidente del Senato Schifani commentò: “I fischi all’inno di Mameli sono incivili, inaccettabili e mi hanno sconvolto: credevo che in una giornata come questa il Paese potesse dimostrare di unirsi sotto un Inno che è sinonimo di solidarietà, e non che si potesse dar luogo a gesti del genere”.

Fischiare un inno è sempre un atto che comporta forti discussioni. Vedremo se questo appello sarà accolto dai napoletani o si riuscirà a non ripetere questo malcostume.

Leggi anche ->Mertens su Facebook: a mare a Capri con amici (FOTO)

Leggi anche ->Nuovo Inno Napoli, versione rifatta de “O surdato ‘nnammurato” (VIDEO)

Video – Per Higuain la Canzone “Gonzalo Gol”: la dedica di Frank & Cerrone

Incidente Higuain, il Dott. De Nicola: “Nessuna frattura”