Calcio-Mercato Lazio, Lotito: niente pregiudica rapporto con Petkovic

lotito lazio

Non si dice tranquillo il padron della Lazio, Claudio Lotito, ma più per esperienza di vita che non per rumors che vedrebbero l’allenature della sua squadra nel mirino di alcune formazioni tedesche. “Allo stato non sembra che ci siano situazioni che possano pregiudicare questo rapporto”, ha spiegato Lotito prima dell’assemblea della Lega di serie A in riferimento alla situazione del suo allenatore Vladimir Petkovic.

Niente. Anche se, seocndo alcune indiscrezioni,  il Borussia Dortmund avrebbe deciso di metterlo in cima alla lista dei probabili sostituti di Juergen Klopp, indirizzato verso la panchina del Real Madrid. Continua Lotito: “Sto tranquillo? Tranquillo sapete che fine fece”. Ironizza sulle domande in riferimento al futuro della panchina laziale, per poi controbattere più seriamente spiegando che “il giro di allenatori riguarda quelli che stanno in scadenza”.

C_27_articolo_97127_immagineprincipaleQuindi una sorta di serenità c’è nella Roma di sponda laziale che aspetta l’ultima di campionato a Cagliari, dove si giocherà le residue speranze di raggiungere l’Europa League attraverso il campionato: “Spero che la squadra possa esprimere tutte le sue potenzialità domenica nell’ultima partita”.

Solo dopo la chiusura del campionato si penserà al calcio-mercato. Fase che, però, prevede già un leggero grattacapo per Lotito: il futuro di Mauro Zarate. Il padron non offre indizi: “Dove va? E che ne so, mica faccio il mago. Contratti in scadenza non ne abbiamo, a parte Biava al quale lo rinnoveremo. Se poi allungheremo qualche contratto non c’è problema”, ha concluso.

Scritto da Enzo Ranaudo

Scrive e collabora ormai da anni con testate e siti internet campani e non solo, sportivi e non. Grande appassionato e sostenitore del calcio Napoli, in quanto prima forza calcistica campana, e di tutte le formazioni regionali.

Calcio-Mercato Napoli, l’agente: Maggio resta e vuole vincere

walter mazzarri allenatore napoli

Calcio-Mercato Napoli, Altobelli: Mazzarri può rilanciare l’Inter