Arsenal-Napoli, i commenti e le interviste di Inler, Behrami e Hamsik

Tre grandi leader azzurri non si sono tirati indietro e nonostante l’amarezza per la cocente sconfitta contro l’Arsenal hanno voluto commentare l’incontro dell’Emirates Stadium. Ha iniziato Gokhan Inler che amareggiato ha detto: “Forse nell’avvio di gara ci voleva maggiore attenzione da parte nostra, però contro l’Arsenal così in forma è difficile giocare. Nella ripresa ci abbiamo provato di più, però loro sono stati bravi fino alla fine. Hanno corso tantissimo ed era difficilissimo controllare i loro movimenti. E’ anche una squadra che gioca insieme da tempo e vanno riconosciuti i loro meriti”. Ma come si esce da questa sconfitta? La risposta è sempre affidata allo svizzero: “Adesso c’è poco da dire, dobbiamo lavorare e proseguire sulla nostra strada. Abbiamo tempo per migliorare, siamo all’inizio e non dobbiamo mollare. Ora pensiamo al Livorno e domenica  torneremo in campionato con grande voglia di riscatto”.

inler arsenal-napoli

Quindi ha preso la parola l’altro svizzero Valon Behrami: “Dopo 15 minuti eravamo sotto di due gol e a quel punto tutto è diventato più difficile. Dobbiamo riflettere, ma non perdere le nostre sicurezze. Non ci ha sorpreso la loro intensità, ma noi eravamo sottotono. Ci può stare subire il loro palleggio, ma abbiamo commesso errori che sono stati pagati subito. Ci trovavamo sempre con un uomo in meno, i loro attaccanti ci seguivano molto e pressavano continuamente. E’ chiaro che quando manca la tua intensità a questi livelli tutto diventa più difficile”.

Ha chiuso il giro di commenti il capitano Marek Hamsik che come gli altri non è mai riuscito ad entrare in partita: “Dobbiamo imparare da queste sfide per accumulare esperienza. Sicuramente l’assenza di Higuain ha avuto un suo peso importante, ma tutta la squadra deve esprimersi meglio”.

Leggi anche — > Arsenal-Napoli: Video Gol Ozil e Giroud (2-0)

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Arsenal-Napoli, le foto dei tifosi napoletani all’Emirates Stadium

Arsenal-Napoli 2-0, Wenger: “Al San Paolo sarà battaglia”