Pippo Pelo, sfogo per Salernitana-Benevento: “La Serie C non è solo uno status calcistico”

È un grande spettacolo quello visto ieri in Serie C per Salernitana-Benevento ma c’è comunque qualcosa che, lontano dai riflettori, non è andato per il verso giusto. È Pippo Pelo, noto conduttore radiofonico, a svelare un triste particolare direttamente su Facebook.

L’inizio del post è assolutamente eloquente: “Bisogna crescere”. La storia è di quelle che si sentono raccontare in molti stadi italiani. Compri un biglietto, cerchi il posto che ti è stato assegnato e poi ti senti rispondere, allo stadio, prima dagli steward e poi da altri tifosi che i posti non sono assegnati, che chi prima arriva meglio alloggia. Inutile engare che è così un po’ ovunque e sembrerebbe che sia così anche nella civilissima Salerno di Vincenzo De Luca.

Questo il messaggio affidato al noto social network da Pippo Pelo: “Ieri ,dopo molti anni , sono tornato a vedere una partita della squadra della mia città . Pubblico da grande occasione, partita gradevole(è pur sempre calcio di serie C) e vittoria finale che porta la Salernitana che va al primo posto in classifica! Benissimo! Ma veniamo al punto. Ho regolarmente acquistato un biglietto di tribuna numerata con amici e parenti e sono arrivato allo stadio con la consueta mezz’ora di anticipo di chi ha la certezza di sedersi al suo posto come accade in qualsiasi mondo civile esista . Ed invece lo steward addetto all’ingresso della tribuna ci dice ‘sedetevi dove capita perché i posti non sono rispettati’. Entriamo e proviamo comunque a sederci nei nostri posti e ci imbattiamo in soggetti che ci abbaiano frasi tipo, ovviamente traduco, ‘io non ti ho mai visto , ora vieni e vuoi pure il posto’ oppure ‘siediti dove trovi posto e non rompere il …'”. Poi la chiusura, polemica: “Io tutto questo non posso e non voglio accettarlo. Qualcuno dica a sindaco, presidente e cittadini che la Serie C non è solo uno status calcistico. Forza Salernitana!”

Pippo pelo facebook

Certo dal racconto di Pippo Pelo emergono due anime da tempo contrapposte. Chi ritiene che acquistando un biglietto numerato si abbia diritto al posto e chi invece pensa che quel diritto sia legato al numero di partite che hai seguito negli anni. Non ci nascondiamo … le risposte che ha ricevuto Pippo Pelo sono molto simili in molti stadi d’Italia e il giudizio, mai come in questo caso, sarebbe oggettivo ma è maledettamente soggettivo. 

Leggi anche: 

Scritto da Massimo Esposito

Napoletano di nascita e cilentano d'adozione, è appassionato di letteratura sportiva e del Calcio Napoli. Nasce economista per svista con la grande necessità di comunicare e di trasmettere. Di condividere e di parlarne. Il tempo libero (spesso troppo) è dedicato alle sue grandi passioni, tra cui i cani. Massimo Esposito su Twitter

Chievo-Roma: Orario, Diretta Tv, Streaming e Pronostico (2014-15)

Che fine ha fatto Dossena? A Napoli il top della carriera