Perché Reina commette tanti errori? La Gazzetta dello Sport: “Ecco i motivi”

La Gazzetta dello Sport analizza gli errori commessi dal portiere azzurro Pepe Reina dall’inizio di stagione: ecco i motivi che spingono il numero uno a commettere tante papere.

La crisi del Napoli scoppiata nel secondo tempo del match di Champions contro il Besiktas si è estesa a tutti i reparti della squadra. Dall’incontretezza dell’attacco, alle distrazioni difensive sino a giungere anche ad una delle uniche certezze azzurre: Pepe Reina. Esaminando l’inizio di stagione del portiere spagnolo e confrontandola con la stagione passata, saltano all’occhio gli errori commessi dall’estremo difensore sin dall’inizio di stagione.

Come ha sottolineato La Gazzetta dello Sport, il portiere azzurro è crollato non solo nelle occasioni importanti, ma è stato autore di “papere” anche negli incontri più blandi, in cui spesso l’attenzione cala. Salta all’occhio il gol subíto sul primo palo dallo spagnolo in occasione di Napoli-Milan, su tiro diagonale di Niang; anche sul gol Aboubakar in Napoli-Besiktas Reina si era fatto ipnotizzare dall’attaccante dei turchi senza riuscire ad intercettare un tiro alquanto mediocre. Segue in ordine cronologico l’errore di sabato sera contro la Lazio, che ha visto l’estremo difensore partenopeo battuto facilmente da una sterile conclusione sul primo palo di Keita, compromettendo il vantaggio dei suoi. Ma non è tutto: in Napoli-Bologna il numero 25 azzurro era stato vittima di una disattenzione che gli ha impedito di contrastare un tiro di Verdi dalla trequarti.

Tali errori mettono in chiaro il calo mentale piuttosto che fisico dello spagnolo, quasi a rispecchiare un periodo di crisi del totale organico napoletano.

Leggi anche: