Parma-Napoli 1-0, brutta prova degli azzurri in un Tardini azzurro

Come spesso accade quando il Napoli gioca in terra emiliana, la presenza dei tifosi partenopei sugli spalti del Tardini è stata assolutamente massiccia ma, a fine gara, domina una profonda amarezza. Il Napoli perde male e offre una prestazione sottotono. Soprattutto nel primo tempo, a dire il vero, entrambe le squadre non fanno nulla per rendere la partita avvincente.

Benitez si presenta al Tardini con gli stessi undici titolari che hanno dominato la Juventus, lasciando inspiegabilmente però il belga Mertens, calciatore con più talento e fantasia a disposizione, ancora relegato in panchina. Donadoni si schiera con  il 4-3-3, collocando Biabiany nella zona di Henrique, cercando di sfruttare la maggior velocità del francese rispetto a quella del suo avversario.

Si capisce sin dalle battute iniziali che il Napoli non giocherà con la stessa intensità messa in campo contro la Juve; forse inconsciamente gli azzurri pagano l’ennesima vittoria della Roma. La seconda frazione di gioco invece parte più vivace, e dopo il vantaggio del Parma siglato da Parolo, gli azzurri si svegliano cercando di raggiungere il pari. Tra le occasioni sprecate, quella di  Insigne su cross di Mertens, e il rigore lampante non concesso da Bergonzi a Zapata.

Gli emiliani si difendono, a tratti un pò in affanno, ma conquistano meritatamente una vittoria importante ai fini della classifica. L’opaca prestazione della squadra azzurra non è piaciuta neanche al presidente del Napoli Aurelio De Laurentis, apparso già visibilmente contrariato in tribuna, che all’uscita dallo stadio è stato protagonista di un accesso diverbio con un tifoso del Napoli.

Leggi anche –> Parma-Napoli 1-0, Benitez: “Secondo posto irraggiungibile”