Nuovo Stadio San Paolo, Zavanella: “Ci ferma la Burocrazia”

Problemi burocratici per la costruzione de nuovo San Paolo. Ad affermarlo è l’architetto Gino Zavanella che, intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss, elenca i pro e i contro del nuovo Stadio. Non basta un De Laurentiis pieno di idee se è la burocrazia a fermarti: “Stiamo tentando di fare di tutto per il nuovo San Paolo, ma la burocrazia purtroppo è sempre in agguato. De Laurentiis è il secondo vulcano di Napoli, ha grandi idee: non riesce a ragionare in piccolo. Con o senza pista d’atletica, se il presidente metterà mano sul San Paolo con il mio aiuto sarà un gioiello. Gli incontri con lui sono sempre molto creativi e si fanno sempre grandi passi avanti”.

Grandi idee per il nuovo San Paolo, stadio super tecnologico nel progetto e degno di una grande squadra sia in Italia che in Europa. Il terreno su cui sorge è l’ideale: “Costruire un nuovo stadio? La posizione in cui è il San Paolo è unica, c’è una storia ed è nel pieno centro della città, edificarne uno fuori avrebbe problemi diversi. Sono due temi affascinanti e molto diversi tra loro, sarà una scelta epocale. Stiamo pensando ad uno stadio adatto a tutti i meriti del Napoli, che è tra le prime squadre italiane”.

Leggi anche: