Napoli-Sassuolo 2-0, Zapatone fa “arrecriare” un Napoletano a Torino

E anche stavolta, il Sassuolo dalla scarpa, ce lo siamo levato. A fatica e con un avversario motivato, scattante e ben messo in campo, ci è voluta tutta la potenza di Zapatone per mettere al sicuro il risultato. Il primo gol è venuto da una sua azione di sfondamento,  con una interpretazione a metà strada fra il Bud Spencer di Bulldozer e Benny Hill. Quanto al secondo, Zapatone si è calato nella parte di Birdman, il supereroe alato alle spalle di Marechiaro, e lo ha prima portato in volo sul San Paolo e poi, dopo essersi liberato con qualche spallata dei difensori, gli ha offerto una palla d’oro.

Marechiaro è così passato in pochi secondi dal gol al gel (di Insigne). Ah, poi, è stato veramente bello avere un portiere fra i pali: un’esperienza da ripetere. Ormai non eravamo più abituati. Il consueto brivido, stavolta, ce lo ha regalato Mertens. Forse voleva eguagliare il record di Roberto Policano, che una volta dalla panchina entrò direttamente sulle gambe dell’avversario in soli 5 secondi. Belli tiemp ‘e na vot! La sfida incrociata per il secondo posto passa dalle squadre di Torino: noi con i granata e la Roma con i bianconeri. Vediamo che aria tirerà domenica all’Olimpico. Forza Napoli sempre!

Lino Mergel

Leggi anche:

Scritto da Lino Mergel

Lino Mergel è un provinciale. Venuto al mondo in un paesino in provincia di Salerno, ai confini con Irpinia e Lucania, la sua nascita è stata un vero terremoto. Da quell’anno, manco a dirlo il 1980, getta le sue radici in provincia di Napoli, zona flegrea, dove la sua famiglia vive già da tempo. La sue scuole sono il cortile del palazzo, il vicolo, e poi la grande città, dove studia e di cui si innamora, ma ne è più volte respinto nonostante i vani tentativi di conquistarla. Dopo qualche piacevole anno di precariato matto e disperatissimo, e alcune sortite in avanscoperta, l’ultima migrazione risale a 4 anni fa: ora Lino vive e lavora a Torino, diffondendo in tutto il nord l’uso del “uè”. Tifoso del Napoli, non ama i giochi di parole.

Napoli-Trabzonspor, Benitez: “Opportunità per chi gioca di meno”

Napoli-Trazbonspor, Mertens: “Voglio restare in azzurro”