“È mancata la voglia di vincere” … è forse questa dichiarazione di Benitez a lasciare interdetti i tifosi azzurri e a scatenarne la rabbia sui social. Le violenze andate in scena nel post gara sono da condannare, sempre e senza alibi ma che i tifosi napoletani ne abbiano ormai le scatole piene è assolutamente comprensibile. Anche coloro che hanno sempre e comunque provato a difendere gli azzurri ora sembrano non farcela più.

L’idea che i “dipendenti” di una società valutata 250 milioni di euro, che vanta 6 milioni di tifosi nel mondo, dal passato glorioso … l’idea che qualcuno che percepisce milioni di euro per giocare a calcio possa scendere in campo senza quella voglia matta di vincere, non va proprio giù a nessuno. Le motivazioni, certo, le analizzerà il mister al rientro a Castel Volturno: tocca a lui capire da cosa discenda la mancata voglia di vincere. A noi tocca prendere atto del fastidio che provoca vedere quei giocatori, valutati milioni di euro, passeggiare in campo.

La sconfitta contro lo Young Boys è infatti pesantissima e nessuno può permettersi il lusso di farla discendere dall’errata campagna acquisti o dalle scelte di modulo. Sul banco degli imputati ci finiscono innanzitutto i giocatori. Benitez è lì, in seconda battuta. Contro lo Young Boys doveva essere vittoria, con o senza Michu, con o senza De Guzman. Bisognava vincere. E basta.

Leggi anche: