Napoli contro Sky, De Laurentiis e i motivi del silenzio stampa

calciomercato napoli

I rapporti tra il Napoli e Sky non sono stati mai tanto polemici e la decisione del presidente azzurro, dopo l’ultima gara giocata contro l’Inter, di non far andare alcun tesserato ai microfoni della televisione satellitare è un campanello d’allarme importante. Ma cosa è successo in un rapporto che sembrava più che duraturo? La settimana prima c’è stato il battibecco Benitez-Mauro che ha fatto scoppiare il caso, poi la serata passata dinanzi alla televisione ad osservare il suo Napoli pareggiare contro l’Inter ha fatto il resto.

Il produttore cinematografico ha sentito qualche commento di troppo nei confronti della sua squadra non certo amichevole e così ha deciso che nessun suo tesserato doveva essere presente al post della rete televisiva di Murdoch. La classica goccia che ha fatto traboccare un bicchiere già colmo, ma che ha tolto i tifosi azzurri delle parole dei propri beniamini. Un silenzio stampa “ad aziendam”, come definito a caldo nel salottino di Sky, che potrà anche continuare nelle prossime partite se gli spigoli non vengono abilmente smussati.

Leggi anche:

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Cavani al Napoli, Corbo: “Andrà alla Juventus”

Napoli-Dinamo Mosca, appello della SSC Napoli ai tifosi napoletani