Napoli-Catania, De Canio: Il valore degli azzurri è alto, ma non abbiamo paura

Il Catania deve uscire dalle secche di una classifica che lo vede impelagato fino all’osso per non retrocedere e quindi, nonostante le numerose assenze, arriva a Napoli per giocarsi la partita. Almeno questa è l’intenzione del suo allenatore Gigi De Canio che nella conferenza stampa pre partita ha tenuto a sottolineare: “Dopo la gara di mercoledì ci siamo allenati molto bene ed aver vissuto questi giorni insieme, qui a Torino, ha consentito ai ragazzi di sostenersi reciprocamente in un momento non semplice, mantenendo la giusta fiducia, il necessario coraggio ed una grande determinazione, qualità che torneranno utili a Napoli”.

Pablo Alvarez catania

Sicuramente il tecnico degli etnei non ha il prosciutto sugli occhi e ha parlato pure delle difficoltà che i suoi incontreranno nel giocare contro gli azzurri: “Il valore dell’avversario è notevole ma il Catania ha una sua identità precisa abbinata a doti tecniche e caratteriali per reggere il confronto. Scenderemo in campo al San Paolo, quindi, credendo nelle nostre capacità e possibilità, anche al cospetto di una squadra forte come quella di Benitez”.

Quello che vorrebbe rivedere domani De Canio è “…l’intensità e la qualità, stavolta dall’inizio alla fine della partita, la prestazione offerta contro la Juventus nei primi 25 minuti”.

Leggi anche — > Napoli-Catania, Alvarez: Pensiamo al Napoli e a portare dei punti a casa

Leggi anche — > Napoli-Catania, gli etnei al San Paolo senza sette titolari

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Mascherano resta a Barcellona, il giocatore: Sto bene qui

Ricorso Cuadrado Respinto: niente prova tv per il colombiano