Napoli-Atalanta 0-2, prova di immaturità per gli Azzurri

E' mancata la voglia di rivalsa che ha portato gli azzurri a giocarsela contro tutte le più grandi squadre in Europa.

Una vera e propria di immaturità quella che il Napoli ha offerto questa sera al cospetto dell’Atalanta. La sconfitta ci può stare contro una squadra che è la rivelazione del campionato, ma la giostra azzurra sembra essere arrivata col fiatone.

Gli azzurri in vista del terribile trittico che in una settimana li vedrà contrapposti a Juventus, Roma e Real Madrid potevano e dovevano offrire una vera e propria di maturità così come fatto la settimana scorsa a Verona e invece il treno azzurro è deragliato sul più bello. E’ vero che le occasioni anche stasera il Napoli le ha create e sciupate, ma prendere un gol in superiorità numerica quando la gara era ancora 1-0 con 25 minuti al fischio finale significa buttare tutto alle ortiche.

GIOCATORI STANCHI, MA NON SOLO…

Non ci piace incolpare i singoli soprattutto quando si perde, ma forse un minimo di responsabilità questa sera è da addebitare anche a mister Sarri che poteva optare per alcuni cambi già a inizio gara visto che Zielinski è stato il lontano parente di quello che ha fatto innamorare i top club europei, così come Hysaj ha ormai il fiatone e quando Maggio è entrato nell’ultimo quarto d’ora ha dimostrato che ancora se la può giocare. Stasera è mancato tutto il Napoli che dovrà presto ridestarsi se non vuole che la stagione si concluda prima del tempo. Il banco di prova dello Stadium in Coppa Italia è quello che ci vuole.