Moratti (Inter) Deluso: “Un Vero Collasso Contro Il Bologna”

Un Moratti letteralmente deluso quello che all’uscita dai suoi uffici nella mattinata di oggi (lunedì) ha commentato la sfida persa in casa dalla sua Inter contro il Bologna, che ha messo i nerazzurri in una condizione molto pericolosa in chiave terzo posto.

branca

Dispiaciuto, considerando anche i numerosi ed importanti investimenti di questi ultimi anni, il patron ha commentato la sfida in maniera molto lucida: “abbiamo regalato un tempo al Bologna, e la cosa a questi livelli e per quello per cui lottiamo è molto grave; la squadra entra in campo intimorita, non è la prima volta che nel primo tempo ci lasciamo sopraffare e spero non accada più”.

Nel dopo partita di ieri, sia Stramaccioni che Branca si sono detti fiduciosi circa il loro futuro nell’Inter, ma Moratti ha precisato che molto dipenderà anche dai risultati, perché al momento andrebbe bene al patron confermare entrambi, ma con risultati nettamente diversi e che possano riportare anche la formazione nerazzurra in Champions dopo un anno di assenza.

Dunque inizia a tremare la panchina di Andrea Stramaccioni, ma anche la scrivania di Marco Branca, poiché il presidente ha confermato che i risultati permetteranno di decidere quale sarà la scelta migliore, ma continuando così non potrà non pensare ad una mini-rivoluzione tecnica.

Ha inoltre commentato il patron della Saras: “Kovacic è un giocatore che, visto il progetto che abbiamo e l’investimento fatto per portarlo, resterà sicuramente e anche ieri contro il Bologna ha fatto vedere ottime cose; potrebbe fare di più ma è in fase d’ambientamento e in questo momento è l’intera squadra a non girare molto”.

Chissà che il presidente Massimo Moratti non stia pensando seriamente di cambiare la guida tecnica a fine stagione, anche per quanto riguarda la carica di direttore sportivo, visto che proprio il patron era uno degli estimatori di un giovane talento come Livaja, ceduto a gennaio all’Atalanta per lasciare spazio all’ultratrentenne Rocchi: in discussione dunque anche l’operato di Branca.