Milito k.o: Ecco I Più Gravi Infortuni al Ginocchio dei Calciatori

Milito Giocatore Inter

L’infortunio di Diego Milito in occasione della gara di Europa League contro il Cluj ha messo davvero i brividi non solo ai tifosi nerazzurri, ma a tutti gli appassionati di calcio, che rischiano seriamente di non vedere più in campo uno degli attaccanti migliori d’Europa.

Uefa Europa LeagueLa diagnosi è di quelle che non fanno ben sperare: lesione al collaterale del crociato anteriore e sicuramente stagione terminata in anticipo, con grande possibilità di dover dire addio al calcio, visti i suoi 33 anni e la lunga riabilitazione che lo aspetta.

Ma ricordiamo i tanti infortuni avvenuti nel mondo del calcio negli ultimi anni: tutti ricorderanno la fragilità estrema delle ginocchia di Ronaldo, vero tendine d’Achille per un fuoriclasse del suo calibro e che secondo i medici non reggeva a causa della preparazione effettuata in Europa che gli faceva aumentare la massa muscolare nella parte superiore del corpo indebolendo la resistenza dei tendini delle ginocchia.

Grave infortunio nello scorso anno anche per Nicolas Burdisso con la Nazionale argentina che lo costrinse a restare fermo per 6 mesi nel 2012, salvo poi tornare in gran forma, così come il connazionale Sergio Aguero, per il quale però l’infortunio al ginocchio si rivelò molto meno grave del previsto.

Tornando alla massima serie possiamo citare gli esempi anche di Gennaro Gattuso che ha spesso dovuto rinunciare anche a partite prestigiose a causa di continui acciacchi al ginocchio e Francesco Totti, il quale ha visto ridurre anche le sue presenze con la Nazionale azzurra a causa degli innumerevoli infortuni patiti.