Maradona-Equitalia, il Fisco sospende i pignoramenti

Dopo venti anni Equitalia sospende i pignoramenti contro Diego Armando Maradona. E’ una prima vittoria per il Pibe de Oro che si è visto riconoscere da Equitalia l’esecuzione al provvedimento della commissione tributaria regionale. Nella nota ufficiale del Fisco si legge: “Si dispone la sospensione in attesa di ulteriori comunicazione, ogni erogazione delle somme pignorate alla scrivente Agenzia della Riscossione”.

Angelo Pisani, legale di Diego Armando Maradona, ha fatto sapere: “E’ una svolta in quella che sembrava una persecuzione storica. La Cassazione nel 2005 dichiarò inammissibile un ricorso di Maradona all’avviso di mora. Ma mai nessun giudice lo ha condannato a pagare alcunché al fisco. Ora la giustizia tributaria accerterà l’inesistenza della violazione restituendo a Diego la vera immagine di uomo rispettoso dei valori e della legge”.

Il contenzioso tra Maradona ed Equitalia iniziò nel 2005 quando la Corte di cassazione condannò il Pibe de oro ha sborsare oltre 30 milioni di euro per le tasse evase quando giocava nel Napoli. Maradona ha sempre sostenuto di non essere un evasore, e anche di recente ha prodotto dossier e perizie per sostenere le sue ragioni.

Leggi anche — > Maradona-Equitalia, la Commissione Tributaria sospende l’azione esecutiva

Leggi anche — > Maradona e il Fisco, la storia nella lettera dell’Avv. Pisani

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Aurelio De Laurentiis, il grande cuore del Presidente azzurro

Calciomercato Napoli, su Britos ci sono Parma e Genoa