Lite De Laurentiis-tifoso, Lombardo: “Le scuse erano state accettate”

Non finisce di tenere banco la querelle che ha visto coinvolto il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis e il tifoso azzurro al termine della partita contro il Parma. Nel corso di Radio Goal, in onda su Radio Kiss Kiss Napoli, Nicola Lombardo, direttore della comunicazione della società partenopea, ha voluto fare delle precisazioni: “La telefonata col tifoso c’è stata, l’ho coordinata io, abbiamo parlato anche con De Laurentiis. Nel caso specifico, a questa telefonata hanno assistito anche tre persone, un calciatore del Napoli ed altri miei collaboratori”.

Il chiarimento, che segue anche alle parole dettate ieri dal tifoso che vorrebbe querelare il produttore cinematografico, è così proseguito: “C’è stata una telefonata di scuse e sono state accettate da questa persona. Ha chiesto persino di incontrare il presidente che ha accettato e gli ha dato appuntamento a Roma negli uffici della Filmauro per il giorno dopo”. Inoltre Lombardo ha fatto sapere che “…il signor Dario ha assicurato di non voler speculare sulla vicenda e di aver rifiutato le pressioni della Rai che gli chiedeva insistentemente un’intervista. Poi il giorno dopo ha dichiarato tutt’altro sui giornali”.

Lombardo aspettava anche una telefonata dall’operaio di Porto Recanati che non è mai arrivata: “Mi doveva chiamare per prendere l’appuntamento ma non l’ha più fatto, ho provato a chiamarlo io e non mi ha più risposto; ho inoltre insistito inviando un sms col mio nome, nulla, nessuna risposta. Vogliamo chiudere una volta per tutte questa vicenda”.

Leggi anche — > Video – De Laurentiis litiga con un tifoso dopo Parma-Napoli 1-0

Leggi anche — > Il tifoso aggredito querela De Laurentiis dopo la lite