Intervista ad Hamsik: “Napoli è il massimo e voglio diventarne una bandiera”

Hamsik Giocatore Napoli

Marek Hamsik dopo le partenze di Lavezzi e Cavani è rimasto l’ultimo “dei tre tenori” ancora a Napoli, di quell’attacco che solo due stagioni fa fece tremare Bayern Monaco, Manchester City e Chelsea, ma lui, in una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport ammette : “Non soffro di solitudine. Possiamo fare grandi cose anche la prossima stagione, il bello deve ancora venire“.

Lo slovacco è un giocatore che ha deciso di sposare in pieno il progetto Napoli, è un giocatore che ancora crede che esistano nel calcio valori più importanti oltre al denaro, e che ha un sogno nel cassetto con la maglia azzurra: Voglio diventare co­me Totti e Del Piero, ho bisogno di qualche altra stagione. Spero di riuscirci, questa che inizia è la settima stagione in azzurro, ma ho fame di vittorie come il pri­mo giorno in cui ho messo piede a Napoli”. Hamsik,  passa poi ad analizzare le possibili concorrenti del Napoli, che ritiene già essersi rafforzato e ancora di più lo farà in questi giorni di calciomercato, per la prossima stagione, ammettendo che la Juventus ha rinforzato un gruppo già forte con l’arrivo di Tevez e Llorente, che l’Inter si risolleverà soprattutto grazie al lavoro maniacale di Mazzarri, che la Fiorentina è da tenere in grande considerazione soprattutto grazie al suo grande attacco formato da Rossi e Gomez, che la Lazio può sempre dare fastidio pur non avendo cambiato molto, ma questo può anche essere un vantaggio, e infine il Milan che come sempre lotterà per lo scudetto.

Benitez in Conferenza Stampa

Hamsik su Cavani si limita solamente a dire: “Edi ha fatto la sua scelta. Vuol dire che arriverà un altro attac­cante con più motivazioni, che ci darà una mano e segnerà tanti altri gol. Certo, è difficile pren­dere un altro come Edinson. Però non posso fare altro che  ringraziarlo per quello che ha fatto”. Mentre di Benitez mette in evidenza che è un grande allenatore, con cui ha parlato molto in questi giorni e che gli ha fatto fare una promessa: Segnare almeno 15 gol. Infine lo slovacco, al quale un giorno piacerebbe diventare capitano del Napoli, conclude ammettendo quali siano i suoi desideri futuri: “Vincere qualcosa, alzare un trofeo, lottare per lo scudetto ed andare il più avanti possibile in Champions League anche se la concorrenza è tanta sia in Italia che in Europa”, e poi un sogno personale: “Una femminuccia. Ho già due bimbi maschi, sarebbe ora”.

LEGGI ANCHE–> L’Inter su Lavezzi?

LEGGI ANCHE–> Damiao al Napoli, l’Internacional vuole tenerlo un altro anno