Hamsik dopo Napoli-Real Madrid 1-3: “Possiamo giocarcela con tutti”

Hamsik commenta la sconfitta contro i blancos: "Abbiamo perso sul campo, non con la testa"

Si prospetta una giornata importante per Marek Hamsik: dopo la sonora sconfitta incassata in Napoli-Real Madrid, questo mercoledì si presta a spazio cruciale, pausa di riflessione sulle leggerezze e gli spettri che hanno compromesso il cammino europeo dei partenopei. Errori, imprecisioni, ieri sera al S. Paolo, macchie su una prestazione brillante, fatta d’orgoglio, fierezza, lotta.

Le parole rilasciate da Hamsik stamane, tramite il suo sito ufficiale, sono le riflessioni di guerriero sconfitto: “C’è rammarico per il secondo tempo. In sei minuti abbiamo subito due gol da calcio d’angolo” ammette, ma al contempo rimarca: “Abbiamo perso sul campo, ma non nella testa”. Il Capitano tiene a rafforzare gli aspetti positivi della prestazione conquistata dal Napoli nel match contro i blancos, dando eco agli applausi che lo hanno salutato a fine partita: “Abbiamo dimostrato di saper fare anche meglio del Real Madrid, che è una delle migliori squadre al mondo. La squadra ha fatto una grande partita”.

Le ultime righe, lungimiranti, guardano ai prossimi impegni in campionato e in Coppa, un augurio che il Capitano azzurro ha tenuto a esternare anche a caldo, ieri, ai microfoni di Premium Sport. In una serie di blockbuster americani degli anni ’70 si insegnava ad un giovane pugile una significativa battuta: “Non è importante come colpisci, l’importante è come sai resistere ai colpi”. Questo mercoledì è un ring da conquistare, un romantico scontro per un guerriero ferito e una squadra delusa. Napoli, il pugile di cui si misurerà la “cazzimma” domenica 12 contro il Crotone e nei prossimi impegni di Coppa Italia.