Fatti di Roma, De Rossi: “Gli ultras giallorossi dovevano rispettare Ciro Esposito”

E’ passato poco più di un mese dal ferimento a colpi di pistola, quasi mortale, di Ciro Esposito prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina-Napoli che si giocava a Roma. Ora ne parla il centrocampista della squadra giallorossa Daniele De Rossi. Le parole di Capitan Futuro, così come è denominato il centrocampista, sono fondamentali perché a compiere l’atto violento è stato proprio un ultras squadra in cui gioca De Rossi: “Lo sciopero degli ultras della Roma in favore di De Santis? Quello che è accaduto a Tor di Quinto è una brutta storia, anche se gli ultras hanno i loro codici. Dico: c’è uno, ancora in ospedale, che lotta tra la vita e la morte e tu non lo rispetti?”.

Una vera e propria reprimenda quella di De Rossi che a La Repubblica aggiunge: “Ti fai subito giudice, ti schieri sulla pelle di un ragazzo intubato a letto? Sarebbe meglio prima verificare la ricostruzione dei fatti, aspettare che il ferito esca dalla rianimazione”. Poi De Rossi guarda al futuro e pensa: “Sono preoccupato per quello che potrà succedere nel prossimo Roma-Napoli e anche Roma-Fiorentina, per i rapporti non magnifici tra le due tifoserie”.

Leggi anche — > Striscione dei Tifosi della Roma: “Forza Daniele De Santis

Leggi anche — > Scritte sui Muri contro Ciro Esposito a Roma (Foto)