Doblas su PiuEnne: “Voglio vincere Europa League e Coppa Italia”

Toni Doblas si è presentato ai tifosi azzurri. Nel corso del programma “In casa Napoli”, in onda ieri sera su +N, il portiere, che è arrivato qualche giorno fa nella città partenopea per sostituire l’infortunato Rafael, ha avuto modo di svelare ai supporter napoletani: “Il primo a chiamarmi è stato Xavi Valero, il preparatore dei portieri. Mi ha chiesto della mia situazione perché mi ero appena svincolato dall’Azerbaigian. Poi mi ha chiamato Benitez e sono stati quattro giorni senza dormire. Mi ha chiesto come stavo, io gli ho dato il numero del mio agente e alla fine sono arrivato”.

Secondo Doblas la “…Serie A è un campionato fra i migliori del mondo, per me è un’opportunità unica giocare questi quattro mesi al Napoli”. Sul gioco di Benitez è stato chiaro: E’ conosciuto in tutto il mondo, basato sul possesso palla e sul controllo del gioco. Bisogna essere bravi a non farsi sorprendere in difesa quando gli avversari recuperano il pallone e partono in contropiede”.

Prima di concludere ha fatto intendere di saper giocare con i piedi, d’altronde Benitez vuole portieri completi per attuare il suo gioco, e sull’ambientamento a Napoli ha rivelato: Ho trovato molti compagni che già conoscevo, poi per uno spagnolo è facile ambientarsi in Italia”. Il suo sogno? “Vincere l’Europa League, la Coppa Italia e arrivare secondi in campionato”.

Leggi anche — > Doblas al Napoli è Ufficiale: l’annuncio della SSC Napoli su Twitter

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Biglietti Napoli-Roma (Serie A): prezzi e modalità di acquisto

Salvini contro Maradona: “Sorrentino non doveva ringraziarlo”