Luigi Sepe, fresco di rinnovo contrattuale con il Napoli, ha rilasciato un lunga e interessante intervista al Corriere dello Sport. Il futuro portiere azzurro ha firmato il contratto fino al 2019 con una parte dell’ingaggio legata a incentivi economici significativi. Calciomercato.Napoli.it vi propone uno stralcio della lunga intervista concessa alle pagine del noto quotidiano sportivo:“Voglio mettermi in mostra e misurarmi. Anche Rafael ha avuto la sua opportunità e l’ha saputa sfruttare, poi a volte le cose riescono bene e altre meno. Saranno la società e il tecnico a decidere se meriterò una chance. Il fatto di giocare per il club in cui sono cresciuto e davanti alla mia gente sarà uno stimolo in più. Ma niente è scontato. Farò di tutto per capitalizzare al massimo questa enorme occasione che mi è stata data. Già sapere che il Napoli crede in me è una motivazione fortissima e ringrazio la società”.

Sepe racconta anche un retroscena legato al calciomercato, sia Fiorentina che Roma in tempi non sospetti infatti hanno cercato di strapparlo alla società azzurra: “Volevo rinnovare con il Napoli che era già la mia società. Era il mio primo obiettivo, quello da perseguire sino all’ultimo. Strade alternative sarebbero state prese in considerazione solo se il Napoli non ci avesse dato garanzie e non avesse mostrato di credere in me. Ma non è stato così. Certo essere cercato da grandi club fa piacere, due anni fa ero in Lega Pro. La competizione non mi spaventa, bisogna lavorare sodo e con umiltà. Qualità che credo di avere. Rafael e Andujar sono già portieri da Napoli, io dovrà dimostrarlo di poterlo essere. Le pressioni non mi spaventano. I mie idoli da piccolo? Peruzzi e Morgan De Sanctis,  che oltre ad essere un grande portiere è anche un grande uomo”.

Leggi anche: