in

Napoli, senti Enrico Fedele: “Diego Demme e Jorginho sono il cielo e la terra”

Diego Demme
Diego Demme

Sulle frequenze di Radio Marte, Enrico Fedele si è pronunciato su Inter-Napoli e sulle possibili scelte di Gennaro Gattuso. “L’Inter prende gol sempre, però il Napoli ha una carenza di personalità nelle partite importanti. Il Napoli con le squadre big va sempre in difficoltà ma deve fare risultato, anche un pari sta bene. Al Napoli serve un centrocampo di movimento. Giocando con Bakayoko il Napoli deve muovere la palla, quindi deve giocare con il dinamico Demme. Il Napoli però ha tutti i calciatori che vogliono la palla sui piedi. Demme potrebbe però dare più copertura sulla zona destra di Di Lorenzo. Demme o Jorginho? Sono il cielo e la terra. Per essere regista devi essere un muro, la palla deve rimbalzare. Demme invece ama prendere la palla in movimento, il classico regista non lo potrà mai essere”.

Per poter sfruttare le seguenti promozioni è necessario cliccare sul book di riferimento ed effettuare l’iscrizione sui seguenti siti che operano in Italia in totale sicurezza

“Locatelli? Io lo prenderei sempre, mi piace molto e diventerà uno dei più forti giocatori in assoluto. Fabian Ruiz o De Paul? L’argentino è più a tutto campo, lo spagnolo ha molta tecnica ma fa poco movimento. Chi scelgo? Se ho vicino Zielinski, Fabian Ruiz. Cosa può fare Gattuso stasera? In campo vanno i calciatori, sono loro che la risolvono. Gli allenatori non hanno la bacchetta magica e non vincono da solo le partite. Secondo me il Napoli deve giocare aspettando l’Inter”. Emerson Palmieri? Difficile. Scambio Eriksen-Milik? Non lo farei. Con Sarri il Napoli aveva una catena di sinistra favolosa, poi aveva anche Jorginho. Situazione Milik autogol clamoroso per il Napoli? Sì, situazione gestita con troppa leggerezza“.

Scritto da Emanuele

Radio Kiss Kiss, Alvino sbotta in diretta: ''Mi interessa solo della partita''

Calciomercato Napoli, Carlo Alvino sottolinea: “Il ‘Papu’ Gomez non è una priorità”

Napoli, Giorgio Perinetti è sicuro: “In certi aspetti Antonio Conte e Gennaro Gattuso sono molto simili”