in

Mario Sconcerti sottolinea: “Con un torneo a 18 squadre le società storiche rischiano di retrocedere”

Nel suo editoriale per il Corriere della Sera, il giornalista Mario Sconcerti ha parlato del rapporto tra club e nazionali. “Si pensa spesso, anche all’estero, di ridurre i tornei maggiori da 20 a 18 squadre per dare più spazio alla Nazionale. È una buona idea, ma bisogna anche capire perché se ne parla da tanti anni e non si fa mai. Perché l’incubo di ogni società ‘storica’ è finire in serie B perdendo diritti televisivi e sponsor. Le società storiche sono 16-17, se si gioca in 18 per dare un mese alla Nazionale, due o tre di loro rischieranno seriamente la serie B. Nei 10 anni tra il 1989 e il 2000 in cui si giocava a 18, andarono in B Napoli, Udinese, Atalanta, Fiorentina, Bologna, Torino, Genoa, Cagliari e Verona. Molte di queste sono ormai abituate ad altre imprese, rappresentano grandi città e sono strutturate per una serie A stabile, pena essere travolte”.

Per poter sfruttare le seguenti promozioni è necessario cliccare sul book di riferimento ed effettuare l’iscrizione sui seguenti siti che operano in Italia in totale sicurezza

“Un torneo a 20 squadre lascia le retrocessioni ad almeno due delle neopromosse, in sostanza elimina molto del pericolo per le squadre storiche. Anche questa non è una cattiva idea. Siamo in un corridoio stretto. Una ragione in più perché Mancini non esageri”.

Scritto da Emanuele

Napoli, ora anche anche la ASL pensa alla querela contro i giudici dopo l’ultima sentenza

Corriere dello Sport: ADL avvia il ''casting'' del nuovo allenatore

Valter De Maggio conferma: “Ricorso? Aurelio De Laurentiis ha intenzione di andare fino in fondo”