in

Ivan Zazzaroni confessa: “Pregavo perché arrivasse Zlatan Ibrahimovic al Napoli”

Esonero Ancelotti, il commento di Zazzaroni: ''Penoso sia finita così''

Ivan Zazzaroni, direttore del Corriere dello Sport, è intervenuto in queste ore a Radio Punto Nuovo, parlando anche del Napoli. “Caso Lazio? Cercheremo di capire cosa è accaduto. Scoppola in Europa? Ma, se abbiamo un’età media in Serie A così alta, è quasi scontato che accadano certe cose. Una delle forze di Conte era la solidità difensiva, ma ora è diventata estremamente vulnerabile. Con cinque difensori dovresti essere più coperto. La Lazio? Non so chi vedrò stasera in campo. La Juve affronta la squadra più scarsa del girone, il calcio ungherese sta leggermente migliorando, ma per la Juve dovrebbe essere agevole. Napoli contro una squadra di covidati? Mi appellerei al quinto emendamento sul Napoli”.

Per poter sfruttare le seguenti promozioni è necessario cliccare sul book di riferimento ed effettuare l’iscrizione sui seguenti siti che operano in Italia in totale sicurezza

“Siamo tornati ad una squadra che sbaglia 20 tiri in zona-gol. Il Napoli ha creato ma ha sbagliato troppo, poi ti arriva la punizione divina. Il Napoli muove il pallone, lo muove, arriva al tiro, ma poi va sporco o sbaglia. Mertens non mi piace trequartista, deve stare vicino la porta. Osimhen mi sembra un eccellente contropiedista, ma senza che abbia un grande rapporto feeling con il gol: spero di sbagliarmi. Pregavo perché arrivasse Ibra al Napoli, avrebbe cambiato l’inerzia del club. Non so se il Milan reggerà: faccio fatica a pensarla tra i primi tre. Alla Roma manca Milik: sarebbe stata la perfetta alternativa a Dzeko. Se la Roma arriva vicina al quarto posto a gennaio, allora dovrà fare operazioni vere”.

Scritto da Emanuele

Lorenzo Insigne al Napoli

Napoli: Lorenzo Insigne verso il Rijeka, ma Gennaro Gattuso non vuole rischiarlo

Mario Rui e il silenzio stampa: ''Non posso parlare''. E su Ancelotti..

Napoli, parla l’agente di Mario Rui: “Ha avuto un’infiammazione durante il ritiro, ma l’ha superata”