in

Zlatan Ibrahimović: statistiche, età e carriera dell’obiettivo azzurro

Calciomercato: Ibra-Hammarby, è tutto fatto? In corso l'incontro decisivo

Obiettivo del Napoli, il soprannome e le caratteristiche dell’attaccante svedese

Figlio di immigrati jugoslavi, oltre che nel calcio Ibrahimović si diletta volentieri nel taekwondo. In questa disciplina dimostra una grande dimestichezza nelle arti marziali che lo aiuta poi anche sul rettangolo verde. Le esperienze in patria durano due anni, prima del trasferimento all’Ajax e del lungo girovagare europeo tra Juventus, Inter, Barcellona, Milan, Paris Saint-Germain e Manchester United. Dopo un anno e mezzo in Inghilterra, durante il quale subisce il primo infortunio serio della sua carriera, sceglie di giocare nella MLS.

Zlatan Ibrahimović ingaggiato dal Los Angeles Galaxy

Nel marzo 2018 lo svedese accetta il corteggiamento del Los Angeles Galaxy, squadra nella quale aveva militato anche Beckham qualche anno prima. Nonostante il soggiorno americano non porti nessun nuovo trofeo nella sua bacheca, Ibrahimović va a segno per 53 volte in 58 presenze. Realizza anche goal mirabolanti, paragonabili alle più belle perle offerte in carriera.

Zlatan Ibrahimović, detto anche “Ibracadabra”

Se già il nome “Zlatan” lascia pensare alla magnificenza del personaggio, il soprannome “Ibracadabra” è un chiaro segnale della sua abilità sul terreno di gioco. Di Ibrahimović non piacciono infatti solo i numeri, ma anche le qualità tecniche. Si tratta di un centravanti alto quasi 2 metri e che non risente mai sul campo del suo fisico possente. Anzi, marcarlo è una vera e propria impresa. Non è raro vedere un difensore arretrare nell’uno contro uno, nel cercare di trovare una soluzione per soffiargli il pallone o limitarlo. Per questo, a 38 anni, il giocatore è ancora tanto stimato nel mondo.

Zlatan Ibrahimović di Malmö

Zlatan Ibrahimović nasce a Malmö il 3 ottobre 1981 e cresce da subito in una zona molto difficile insieme ai genitori e al fratello Sapko, deceduto nel 2014. Sposato dal 2001 con due figli, lo svedese è uno dei calciatori più cercati a livello internazionale anche in ambito commerciale, come dimostrano i libri e gli spot pubblicitari che lo vedono protagonista. Ha una passione per la pesca e soprattutto per la caccia, praticata spesso nell’isola di Davenso, a ovest di Stoccolma, comprata esclusivamente per lo scopo.

Scritto da Emanuele

Multa di Allan salatissima, decurtato il 50% dello stipendio

De Laurentiis sblocca lo stipendio?

SKY - Parla Giuntoli:'' Siamo concentrati. Tempistiche delle poste? Meglio cosi''

Le difficoltà di Giuntoli per arrivare a Torreira