in

Vincenzo Spadafora spiega: “Lo sport non è solo calcio e Serie A”

Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha parlato alla trasmissione Omnibus della situazione relativa alla ripresa del calcio italiano. “Ad oggi sono in corso i contatti tra il comitato scientifico e la FIGC, il comitato non ha ritenuto sufficiente il protocollo sanitario presentato. Ci saranno tra oggi e domani mattina una serie di incontri per decidere. Molti dicono che ci stiamo muovendo con incertezza, ma dovessimo decidere subito dovremmo riprendere la decisione della Francia e quindi chiudere. Io vedo il sentiero della ripresa sempre più stretto. Gli allenamenti devono riprendere, ma fossi nei club penserei ad organizzare in sicurezza il prossimo campionato.

“Allenamenti? Spero Lotito parli con ironia quando dice di portare la squadra nei parchi di Roma. Noi non potevamo riaprire lo sport per tutti, e lo sport non è solo calcio e Serie A. Avevamo un’indicazione specifica, tutti i settori – riporta Cittaceleste – dovevano ricominciare contingentando i numeri. Non abbiamo esteso agli sport di squadra perché il protocollo presentato non era sufficiente, non potevamo mandare le squadre ad allenarsi senza protocolli sicuri per gli atleti. Nei prossimi giorni potremo avere una sorpresa, non è escluso che molti presidenti cambino idea e saranno loro a chiederci di riprendere direttamente dalla prossima stagione” ha aggiunto.

Scritto da Emanuele

SKY - Parla Giuntoli:'' Siamo concentrati. Tempistiche delle poste? Meglio cosi''

Cristiano Giuntoli si racconta: “Non potevo dire di no al Napoli”

RADIO MARTE, Auriemma: ''Immobile poteva andare al Napoli, ci furono incomprensioni''

Ciro Immobile d’accordo con Claudio Lotito: “Posso andare con Edin Dzeko a Villa Borghese ma non a Formello”