in

Serie A, troppi dubbi ancora: possibili playoff se non si ricomincia il 18 maggio

Il calcio italiano sperava in una maggiore chiarezza nell’incontro tra FIGC e Governo, ma il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha preso tempo anche perché restano alcuni dubbi sulla ripresa. Si va verso gli allenamenti individuali il 4 maggio, mentre per quelli collettivi si dovrebbe attendere fino al 18 maggio. Di conseguenza si sposterebbe anche la data dell’ipotetica ripresa del campionato: il 6 o 13 giugno. Il punto è che il Governo non ha ancora parlato di partite, limitandosi a organizzare gli allenamenti.

I dubbi del comitato medico-scientifico restano quelli del contatto tra giocatori e c’è addirittura la paura che il pallone stesso possa essere veicolo di contagio. La Lega Serie A vorrebbe avere la certezza della ripresa del campionato prima di iniziare gli allenamenti, per questioni legate agli stipendi dei giocatori. Se iniziasse come previsto, la Serie A potrebbe concludersi entro il 31 luglio in modo da lasciare il mese di agosto alle coppe europee. Se si andasse oltre il 18 maggio come data di inizio della ripresa, allora tornerebbe di moda la soluzione dei playoff.

Scritto da Emanuele

ADL afflitto dopo la sconfitta con il Bologna: riflessioni in corso del patron azzurro

CDS – “Si riparte il 4 maggio, ma è scontro sui tamponi”

Napoli, a Castel Volturno è già tutto pronto per ripartire