in

Serie A, Enrico Castellacci è sicuro: “Si ricomincerà, ma vanno cambiate alcune cose”

Enrico Castellacci, presidente dell’associazione italiana medici del calcio, si è espresso sulla ripresa del campionato a Radio Uno, durante Radio Anch’io Sport. “Parlare di sicurezza in questi momenti è sempre difficile. SI potrà giocare rischiando il meno possibile e servono le linee guida delle quali parliamo da mesi ma che ancora non ci sono. Devono essere applicabili, finora i protocolli non lo erano e per questa c’è stata una sorta di ribellione dei club. Il medico è già responsabile per professione, poi ci sono altri soggetti che hanno responsabilità, giocatori compresi. Dovrebbero firmare un foglio dove dichiarano di attenersi alle linee guida. Stamattina manderemo una lettera al ministro Spadafora e a Gravina da parte dei nostri legali per far chiarezza su questo punto, dal punto di vista giuridico. Il medico sociale non può essere l’unico responsabile, sarebbe illegittimo. C’è stata una forzatura”.

“Il paradosso è questo, quello di aver sentito l’obbligo di dare alla figura del medico, l’anello debole del mondo del calcio, tutte queste responsabilità. Le linee guida dovevano essere fatte da tempo, ma con criterio. Inutile farle e poi un club come l’Inter dice no, dovevano essere sentiti prima le società. Usciamo da un lockdown di due mesi e rimettere in quarantena i giocatori non è facile. Non possiamo costringerli, potrebbe essere di una settimana o dieci giorni, poi i giocatori hanno l’esigenza di restare a casa. Dovrebbero poi capire quali siano le loro responsabilità. Il campionato ricomincerà, ma per farlo finire vanno cambiate alcune cose”.

Scritto da Emanuele

Calciomercato Napoli, si complica il rinnovo di Zielinski

CDS – Napoli, Piotr Zielinski pronto a rinnovare con clausola da 100 milioni di Euro

San Paolo senza Champions

Alessandro Barbano contro Giuseppe Conte: “Il calcio murato vivo”