in

Gonzalo Higuain a tutto tondo: “Cantavo con i tifosi del Napoli, ma potevo dire di no alla Juve?”

Higuain
ANSA/ELISABETTA BARACCHI

Gonzalo Higuain è stato ospite di Fox Sports Argentina e ha parlato sia della Juventus sia del Napoli. “MLS? In futuro ci andranno molti giocatori e sarebbe bello. Però ora sono alla Juventus, ho ancora un anno di contratto e vediamo che succederà. Tra cinque giorni torniamo ad allenarci, vediamo come andrà col nuovo allenatore, ci saranno sicuramente dinamiche diverse. Perdono da Napoli? No, è quando tu vai nella squadra più vincente. Come ho detto per Messi, l’importante è far scelte per la propria felicità e la propria carriera. Non mi pento della scelta”.

“La passione dei tifosi? Quanti giocatori sono passati da Boca a River, da Milan a Inter, dal Real al Barcellona, mica li chiamano traditori. Penso a Ronaldo, a Pirlo. Anche mio padre fu traditore? Sì anche mio papà (ride, ndr). Io cantavo con loro, ballavo con loro, ho fatto 36 gol. Ma viene la Juve, cosa gli dicevo, no? La Juve è una grande d’Europa, ho lottato per la Champions e non l’ho vinta per poco. Tornare a Napoli? Sì, ora col Coronavirus mi metto una maschera e nessuno mi riconosce (ride, ndr). Lavezzi? Che grande persona, fu uno di quelli che mi spinse ad andare a Napoli”.

Scritto da Emanuele

Giuntoli su Darmian

TUTTOSPORT – Napoli, tutti a Capri per parlare con Aurelio De Laurentiis del mercato

Mercato, l'agente di Boga apre al Napoli: ''Perchè no?''

Calciomercato Napoli, parla il fratello di Jeremie Boga: “Col Sassuolo non parleremo di rinnovo”