in

Napoli, parla il legale della società: “Il prolungamento dei contratti non è assolutamente un passaggio scontato”

Il legale del Napoli, Mattia Grassani, ha parlato a ‘Punto Nuovo Sport Show’ su Radio Punto Nuovo dell’emergenza del Coronavirus. “Prolungamento contratti? Non è assolutamente un passaggio scontato, si tratta di mettere attorno ad un tavolo una pluralità di componenti perché mai nella storia dello sport un contratto dovesse essere spostato per cause di forze maggiori. (…) Chiunque svolge un’attività lavorativa ha due nodi fondamentali: il prestatore che svolge quest’attività e che l’attività venga pagata. Al 30 giugno c’è una scadenza di contratti e noi ad un tavolo di lavoro chiediamo la proroga di quei contratti, i giocatori giocherebbero senza prendere i soldi di quella frazione. Sono due settimane in cui in Italia nessuno si allena, nessuno gioca e quindi arriveremo circa un mese che non è stato adempiuto per esigenze eccezionali. Ecco che questo periodo verrebbe spalmato in quei giorni di luglio”.

“Teniamo presente che per terminare la stagione entro il 30 giugno ci sono tanti aspetti da riprendere. Mettiamo caso che il virus possa attenuarsi a metà aprile, gli stadi sono adeguati a ripartire? (…) I colossi Sky e Dazn da un punto di vista legale potrebbero già intraprendere iniziative e per senso di responsabilità non sono state minimamente intraprese. Il club rivendica il 100% delle parti proveniente da diritti televisivi, sponsor, le società esterne diranno che c’è stata un’impossibilità nella prestazione. Anche quando si ricomincerà, si giocherà ogni 3 giorni a stadi vuoti, 10 partite nella stessa giornata. Anche il prodotto che il sistema calcio perderà appeal per un’indigestione di partite. De Laurentiis è assolutamente attento e vigile rispetto a ciò che si sta verificando, come sempre ci ha abituato a precorrere i tempi. Credo sia un presidente come pochi rispetto alla lungimiranza”, ha aggiunto il legale.

Scritto da Emanuele

La bellissima lettera di Claudio Ranieri contro il Coronavirus

Gabriele Gravina sulla Serie A: “Giocare a porte chiuse fin quando non abbiamo garanzie”