Coppa Libertadores, fase finale da non perdere

La Coppa Libertadores 2019 è la 60esima edizione della Coppa Libertadores d’America, il più importante torneo di calcio del Sud America organizzato dal CONMEBOL. Al torneo partecipano 47 squadre provenienti da 10 paesi latinoamericani: Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Paraguay, Perù, Uruguay e Venezuela. Per la prima volta nella storia della competizione, la finale sarà a singola gara in campo neutro e sarà giocata all’Estadio Nacional de Chile a Santiago del Cile. Essa è praticamente la Champions League del Sud America.

Alla prima fase hanno partecipato squadre provenienti da Bolivia, Ecuador, Paraguay, Perù, Uruguay e Venezuela. Tramite sorteggio si sono determinate le tre sfide ad eliminazione diretta, le cui vincenti hanno avuto il diritto di accedere alla seconda fase. Esse sono state Deportivo La Guaira, Defensor Sporting e Delfìn.

Alla seconda fase hanno partecipato 16 squadre: le 3 vincenti della prima fase e altre 13 squadre provenienti da ogni federazione (2 da Brasile, Cile e Colombia e 1 dalle altre federazioni). Il sorteggio ha determinato gli accoppiamenti in sfide di andata e ritorno. Le 8 squadre vincenti, ossia Atletico Mineiro, Melgar, Libertad, Palestino, Talleres, Atletico Nacional, Caracas e Defensor Sporting, hanno guadagnato l’accesso alla terza fase.

Alla terza fase hanno partecipato le 8 squadre vincenti della fase precedente, con la possibilità di incroci tra squadre della stessa federazione. Le 4 squadre vincenti hanno avuto il diritto di accedere alla fase a gruppi, mentre le due migliori classificate tra le squadre eliminate hanno avuto accesso al secondo turno della Coppa Sudamericana 2019. Ad accedere ai gironi sono state Atletico Mineiro, Melgar, Libertad e Palestino.

La fase ai gironi era caratterizzata da gruppi da 4 squadre, in cui la prima e la seconda classificata si sono guadagnate l’accesso agli ottavi di finale, mentre le terze alla Coppa Sudamericana. 

In tutti i gruppi in cui era presente una squadra brasiliana, essa si è classificata come capolista: Internacional nel gruppo A, Cruzeiro nel gruppo B, Flamengo nel gruppo D e Palmeiras nel gruppo F. Ciò non è successo nel gruppo E, in cui l’Atletico Mineiro ha finito da terza, e nei gruppi G e H in cui Gremio e Atletico Paranaense si sono classificate seconde. 

Gli ottavi di finale si sono già dimostrati parecchio interessanti, anche con diversi risultati totalmente inaspettati. Ad esempio l’Emelec, squadra equadoregna, all’andata ha battuto per 2 gol a zero il Flamengo, squadra più gettonata e sulla carta nettamente superiore. I brasiliani dovranno cercare di ribaltare il risultato segnando almeno due gol e cercando di mantenere la rete inviolata. Questa si presenta sicuramente come una delle sfide più avvincenti. 

I campioni uscenti del River Plate devono affrontare in trasferta il Cruzeiro, dopo che la prima partita in Argentina si è chiusa sul risultato in parità di 0 a 0. Il Cruzeiro ha dunque una ghiotta chance da sfruttare per avanzare nel torneo, sostenuto e spinto dal tifo di casa a Belo Horizonte. 

Il Boca Juniors si trova ad affrontare la partita di ritorno davanti al proprio pubblico nella mitologica Bombonera e forti del 1 a 0 maturato all’andata in casa dell’Atletico Parananense. L’Atletico però non si darà certo per vinto, provando il tutto per tutto per battere una delle squadre più forti della competizione in uno degli stadi più caldi al mondo. 

Oltre a queste tre gare si sfideranno: 

– Cerro Porteno contro San Lorenzo (all’andata 0 a 0);

– Palmeiras contro Godoy Cruz (all’andata 2 a 2);

– Libertad contro Gremio (all’andata 0 a 2);

– Internacional contro Nacional (all’andata 1 a 0);

– Olimpia contro LDU Quito (all’andata 1 a 3).

Dunque questa fase finale si prospetta carica di tensione e molto divertente: chi riuscirà a vincere l’ambita coppa quest’anno? 

Non perdetevi i risultati delle partite per scoprirlo e seguire questa storica competizione.

Scritto da Redazione

Giuntoli su Darmian

Calciomercato Napoli, le trattative entrano nel vivo

Napoli, la Champions ti sorride: ecco il girone giusto