Frasi sul Natale in Napoletano: Auguri di Buon Natale divertenti

Si sa bene che il dialetto napoletano è uno dei più apprezzati e quindi anche le frasi natalizie scritte in napoletano possono provocare divertimento e ilarità in chi la riceve. Qui di seguito vi proponiamo un elenco di frasi sul Natale in Napoletano in maniera che anche voi potrete essere originali nell’augurare Buon Natale ai vostri cari e ai vostri amici.

Natale

Cumm’è bell’ Natale,
a sera d’a Virgilia è tutta n’allegria p’a nascit’e Gesù.
A tavola apparicchiata, l’arber’ allumminato.
‘O presepio sta stutato pecchè a mezzanotte s’add’appiccià.

Mammà int ‘a cucina prepar’e cose bone
e frie ‘o capitone ca nun ce pò mancà!
” ‘A casa è chin ‘e fummo!”
Allucca già papà “arape stu balcone ca nun se pò respirà!”

O’ nonno friddugliuso annanz’a nu vrasere
ch’e mmane dint’e mane se piglia tutt’o calore!
Natale è pruvverenza, ce penz’ ‘o Bambiniello
‘o ricco e ‘o puveriello a tutti fa campà !

(Anonimo)

Nuttata ‘e Natale

Dint’a na grotta scura dormeno ‘e zampugnare:
dormeno, appese a ‘e mura,
e ronfeno, ‘e zampogne
quase abbuffate ancora
‘a ll’urdema nuvena;
e, ghianca, accumparesce e saglie ncielo,
dint’ ‘a chiara nuttata, ‘a luna chiena.

Dormeno: a mezzanotte
cchiù de n’ora ce manca;
e se sparano botte,
s’appicceno bengala,
e se canta e se sona
per tutto ‘o vicenato…

Ma ‘o Bammeniello nun è nato ancora,
e nun s’è apierto ancora ‘o Viscuvato.
Fora, doppo magnato,
esce nfucata, ‘a gente:
ccà d’ ‘o viento gelato,
p’ ‘e fierre d’ ‘a cancella,
trase ‘a furia ogne tanto…
E c’ ‘o viento, e c’ ‘o friddo
ncopp’ ‘a paglia pugnente, a ppare a ppare,
dormeno, stracque e strutte, ‘e zampugnare..

(Salvatore di Giacomo)

A Nuvena

Nu zampugnaro ‘e nu paese ‘e fora,
lassaje quase ‘nfiglianza la mugliera…
Se partette pe’ Napule ‘e bon’ ora
sunanno, allero allero: Ullèro, ullèro…
E ullèro, ullèro… Ma nun era overo:
‘o zampugnaro, penzava ‘a mugliera…
e suspirava… e ‘a zampogna,
‘e suspire s’abbuffava… Ah…ah…
Cuccato ‘ncopp”a paglia, ‘o Bammeniello,
senza manco ‘a miseria ‘e na cuperta,
durmeva, ‘mmiez’’a vacca e ‘o ciucciariello,
cu ll’uocchie ‘nchiuse e cu ‘a vucchella aperta…
E ullèro, ullèro… che bella faccella,
che bella resélla, faceva Giesù
quanno ‘a Madonna cantava:
“Core mio, fa’ nonna nonna…” Ah…ah…
Mmerz”e vintuno, ‘e vintiduje d”o mese,
na lettera lle dettero ‘a lucanna…
‘sta lettera veneva da ‘o pagghiese
e sotto era firmata : Marianna…
“E ullèro, ullèro… sto bene in salute
e cosí spero sentire di te:
Sono sgravata… e duje figlie
aggio fatto, una figliata.” Ah…ah

Giacomo De Leva