Zigoni (Avellino) veneto atipico: preferisce il Sud al Nord

E’ giunto in Irpinia in punta di piedi l’anno scorso. Il percorso inverso di tanti ragazzi che raggiungono le regioni del Nord, e talvolta si spingono anche oltre, alla ricerca della tanto agognata opportunità di lavoro. 11 goal e tante presenze nella scorsa stagione (il più importante contro i meno fortunati cugini di Benevento), quest’anno ha dovuto mettersi in fila. Davanti a lui due mostri sacri della Lega Pro come Gigi Castaldo e Raffaele Biancolino. Stiamo parlando di Gianmarco Zigoni, da Oderzo (Veneto).

Il bomber di “scorta” dell’Avellino dei miracoli, il ragazzo che nel giro di un anno e mezzo ha visto mutare repentinamente ed in maniera sostanziale il proprio carattere ed il suo modo di essere. Schivo e timido quando giunse all’ombra del Partenio per la prima volta, quasi a mò di “guappo” adesso. Sì, perchè Gianmarco ha instaurato, con la calda piazza irpina, un legame indissolubile. “Se ci saranno le condizioni, rimarrò anche il prossimo anno” ha dichiarato in un’intervista di pochi giorni fa. Avviso ai naviganti? Ulteriore messaggio d’amore?avellino

Tanti anni passati nelle giovanili del Milan (il papà è stato un ex rossonero), nelle fila del Treviso e l’anno scorso alla Pro di Braghin. A Gennaio riceve una telefonata. Enzo De Vito gli chiede di dare una mano per realizzare il sogno di un’intera provincia ed oltre e ritoranare ai piedi di Montevergine. Il ragazzotto accetta immediatamente, era quello che aspettava da sei mesi. Torna, subito in campo: il Benevento. I lupi perdono. Ma il bello deve ancora venire: poche apparizioni, ben 4 gol. Benvenuto al Sud Gianmarco, quel “Sud” che da qualche tempo è anche un pò tuo.

LEGGI ANCHE -> CalcioMercato Avellino: prima la serie B, poi le conferme

Hugo Campagnaro Napoli Juventus

Calciomercato Inter, Campagnaro (Napoli) cerca casa a Milano

Aspettando la serie B, l’Avellino sogna Maccarone: la moglie è avellinese