in

Pagelle Napoli-Lecce: voti Sportmediaset e commento

Il portale di Sportmediaset ha scelto i migliori e i peggiori del match tra Napoli e Lecce, terminato 2-3 al San Paolo a favore dei salentini.

DEMME 6,5 – Palesemente il tipo di giocatore che mancava al Napoli nella prima parte della stagione. Catalizzatore di gioco e recuperatore di palloni nello stesso tempo, si sta rivelando acquisto prezioso per il gruppo azzurro.

POLITANO 6,5 – Già dai primi spunti si prende gli applausi del San Paolo, perché quel dribbling in punta di piedi e quegli scarti improvvisi sono un patrimonio che da tempo non si ammirava visto il Callejon appiattito degli ultimi tempi. Dura un’ora e quell’ora la fa sopra la sufficienza.

LAPADULA 8 – L’opportunismo è sempre stato una sua caratteristica peculiare e il lampo che porta al gol dell’1-0 lo dimostra una volta di più. Al posto giusto nel momento giusto ma anche sempre pronto alla lotta sulle palle sporche. Prontissimo poi a raccogliere il cross di Falco che gli frutta il gol del secondo vantaggio.

OSPINA 5 – Sarà anche un fenomeno con i piedi come dice Gattuso, ma sul gol dello 0.-1 di Lapadula la sua incertezza è più che palese, così come non dà mai la sensazione di lasciare la difesa tranquilla quando si tratta di riorganizzare la linea. Si riscatta in parte andando a prendere un colpo di testa di Barak sull’1-2. Poi si fa sorprendere da distanza siderale sull’1-3.

SAPONARA 6,5- Un ottimo innesto per questa squadra e ogni volta che lo si vede giocare in questa maniera si dice: “Chissà cosa avrebbe fatto se non avesse avuto tanti infortuni”. La qualità che sprigiona tra le linee avversarie è da grande squadra.

KOULIBALY 5 – Sempre meglio averlo che non averlo, ma adesso ha bisogno di tempo per tornare in una condizione dignitosa. La sua presenza rassicurante non sempre si traduce in giocate efficaci.

MILIK 6,5 – Coraggioso ma sfortunato in varie occasioni del primo tempo, raddrizza la partita facendosi trovare al posto giusto proprio all’inizio del secondo tempo. Molto sospetto un inbtervento su di lui che Giua (sbagliando) non controlla con il Var.

MERTENS 6,5 – Sarà anche distratto dai ragionamenti sul suo futuro, sarà anche al 70% delle sue possibilità, ma la giocata di qualità continua a essere una sua caratteristica indelebile. Praticamente al primo pallone toccato, assist perfetto per MIlik.

BARAK 7 – Presenza costante nel punto nevralgico della manovra giallorossa, quantità e qualità insieme come nei momenti di gloria vissuti nell’Udinese, personalità e continuità.

Scritto da Emanuele

''Dobbiamo cambiare tutto!'' - I giocatori si scagliano contro Ancelotti. Emergono nuovi retroscena sul faccia a faccia

Calciomercato Napoli, Dries Mertens sempre più vicino all’addio: rinnovo impossibile

GAZZETTA - Ansia per Milik, infortunio e rinnovo tengono sulle spine il Napoli

GAZZETTA – “Veleni Var”