Maradona allenatore del Napoli? Solo se è ancora capace di fare miracoli

Prima di cominciare va chiarito subito: Maradona è meglio é Pelé. Detto questo, riflettiamo. O almeno cerchiamo. Perché quando si parla del Pibe de Oro la razionalità spesso va a farsi un giro. Cosa potrebbe mai significare vedere alla guida della panchina azzurra D10S?

Un sogno che si realizza? Certamente. Almeno per i tanti romantici del calcio che vedono in Maradona non solo un calciatore ma un artista: l’unico capace di fare con il pallone quello che vuole. Di siglare da centrocampo. Di fissarsi a voler infilare direttamente da calcio d’angolo e riuscirci al terzo tentativo. Di segnare con una mano e nello stesso incontro, solo per ripicca, perché infastidito da un inglese che gli dava del ladro (così narra la leggenda), dimostrare di poter vincere da solo una gara di Mondiale contro l’Inghilterra non solo utilizzando la Mano de Dios, ma anche prendendo palla, saltando mezza squadra ed entrando in porta.

Maradona contro Pelè
L’eterno scontro tra Maradona e Pelè

Per non parlare poi di quello che significa a Napoli. Maradona all’ombra del Vesuvio ha portato vittoria. Ma soprattutto ha portato riscatto. Per una Capitale decapitata, in una nazione che da sempre punta più a nord dell’ago della bussola. Ed il popolo napoletano ha reso Maradona quello che è oggi: un dio in terra. Per qualche juventino forse meno, ma questa è altra storia: lo sportivo vero sa chi è il vero Re (o roi, per dirla alla bianconero) del calcio, e lo dimostrano le reazioni avute dai giornalisti (e non da persone comuni, né da tifosi napoletani) che oggi erano alla conferenza stampa alla Gazzetta dello Sport a Milano.

Diego Armando Maradona durante la sua ultima visita a Napoli
Un ritorno in azzurro al momento è da escludere

Ma se l’amore spera in un ritorno, la ragione pensa tutt’altro. Diego Armando Maradona a Napoli ha già dato tutto quello che poteva, molto probabilmente. Le sue doti da allenatore, finora, hanno dimostrato di non essere pari a quelle di giocatore. E questo forse perché Maradona è troppo giocatore. E’ troppo innamorato della palla per accostarcisi in modo astratto, freddo, distaccato. E’ troppo uomo da spogliatoio. E’ troppo istinto, estro e fantasia in questo calcio freddo fatto di numeri e schemi. La macchina da soldi De Laurentiis è impensabile che non abbia già fiutato l’enorme vantaggio che potrebbe portare il ritorno in azzurro del Pibe de Oro per il marketing dell’Ssc Napoli.

Bruno Conti e Diego Armando Maradona
Bruno Conti e Diego Armando Maradona

Ma forse sa che il suo ritorno, se mal gestito, rischierebbe di subire un contraccolpo e rovinare un rapporto di amore con tutto il popolo partenopeo. Di sicuro il presidentissimo sta accarezzando da tempo l’idea. E molto probabilmente già sa pure bene la collocazione ed il ruolo che potrebbe ricoprire in società, qualora sia nella condizione di poter tornare. Ma a malincuore bisogna dire che, con ogni probabilità, quel posto non sarà mai al timone degli azzurri. Una constatazione che nasconde, però, la speranza che tutto sommato si sta parlando pure sempre di D10S, e che magari torna a Napoli e ripete il miracolo. Un buon inizio sarebbe essere presente a Roma e tenere a battezzo la vittoria del Napoli sulla capolista.

Leggi anche –> Maradona contro Pelè: Arriva secondo anche nel suo Paese
Leggi anche –> Maradona alla Gazzetta: Non abituatevi alle partite truccate
Leggi anche –> Maradona Day alla Gazzetta, il live su Twitter
Leggi anche –> Cilento, murales di Maradona in un tabacchi (Foto)
Leggi anche –> Maradona e Papa Francesco: Con me nel avrebbe tifato Napoli
Leggi anche –> Maradona: “Io all’Olimpico? Non lo so ancora
Leggi anche –> Roma-Napoli, più che il Derby del sole ridateci il Derby del Sud

Scritto da Enzo Ranaudo

Scrive e collabora ormai da anni con testate e siti internet campani e non solo, sportivi e non. Grande appassionato e sostenitore del calcio Napoli, in quanto prima forza calcistica campana, e di tutte le formazioni regionali.

Maradona contro il razzismo: Queste cose non mi piacciono

Maradona su Balotelli: Va lasciato tranquillo, è forte