Giudice Sportivo Tosel, I Provvedimenti che Fanno Discutere

Giudice Sportivo Gianpaolo Tosel

Termina il campionato ma non si arrestano le polemiche sulle decisioni del Giudice Sportivo Tosel. Fanno ancora discutere, infatti, i  provvedimenti per i soliti cori razzisti contro Balotelli. Insomma, i napoletani non riescono proprio a mandar giù certe decisioni, soprattutto se unidirezionali.

Milan vs Udinese - Serie A Tim 2012/2013I cori contro Mario Balotelli andavano puniti. Con una di quelle punizioni esemplari alle quali il Giudice Tosel non è proprio tanto avvezzo. In fondo, se neanche quest’anno, nonostante la diffida, lo Juventus Stadium non è stato squalificato per cori razzisti, un motivo dovrà pur esserci. E, ad onor del vero, qualsiasi motivazione appare estremamente distante dalle regole del diritto sportivo e più vicina ad interpretazioni dello stesso. Interpretazioni che, però, prestano il fianco a numerose critiche.

Ed è forse proprio per questi motivi che Tosel ha omesso di assumere provvedimenti contro altre tifoserie per cori razzisti (o di discriminazione territoriale). Ha omesso di assumere provvedimenti contro quelle società i cui tifosi hanno più e più volte animato le curve con cori razzisti nei confronti di un intero popolo. Gli stessi provvedimenti che assume oggi, però, contro la Roma. Ai giallorossi ammenda di 50.000,00 € “per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, indirizzato continuativamente a tre calciatori della squadra avversaria cori e grida espressivi di discriminazione razziale”. In sintesi, i cori contro Mario Balotelli. Che vanno puniti. Anche più duramente. Ma che servano da esempio per qualsiasi altro coro a sfondo razzista. Qualsiasi.

La polemica, però, nasce anche dai provvedimenti contro gli azzurri. In qualche modo il Giudice Tosel è riuscito a sanzionare i fuochi d’artificio al San Paolo. Partita dopo partita, infatti, simili sanzioni hanno rappresentato la costante per le casse partenopee. Ed anche per questa volta pare che il sistema sia stato trovato. Ed ecco comparire nelle pieghe del comunicato ufficiale l’ammenda di 5.000,00 € alla Società Napoli “a titolo di responsabilità oggettiva per aver ingiustificatamente ritardato l’inizio della gara di circa dieci minuti”. Come se non bastasse ulteriori 3.000,00 € di multa per avere i propri sostenitori “indirizzato reiteratamente ad un Arbitro addizionale cori insultanti”. Da segnalare, infine, la squalifica di Lorenzo Insigne. Per lui campionato finito.

Scritto da Massimo Esposito

Napoletano di nascita e cilentano d'adozione, è appassionato di letteratura sportiva e del Calcio Napoli. Nasce economista per svista con la grande necessità di comunicare e di trasmettere. Di condividere e di parlarne. Il tempo libero (spesso troppo) è dedicato alle sue grandi passioni, tra cui i cani. Massimo Esposito su Twitter

walter mazzarri allenatore napoli

Calcio-Mercato Napoli, Altobelli: Mazzarri può rilanciare l’Inter

Roberto Mancini Allenatore Manchester City

Ultime Notizie, Esonerato Roberto Mancini