Catanzaro-Avellino, ultime notizie e probabili formazioni

C’è una serie B da conquistare. Prima possibile, senza dover soffrire fino all’ultima giornata. Senza esser costretti a fare calcoli empirici fino all’altra domenica. A Catanzaro, l’Avellino può chiudere i giochi con 90′ d’anticipo rispetto al termine della “regular season” del girone B di Prima Divisione (Lega Pro).

Sarà come sempre sostenuta in massa dai suoi tifosi che non vorranno perdersi lo spettacolo. Esodo comunque fortemente limitato dalle restrizioni tipiche del “calcio moderno“: trasferta riservata ai soli possessori della “tessera del tifoso”, strumento che continua ad essere in vigore pur essendosi rivelato fallimentare. E, com’è noto, la stragrande maggioranza dei tifosi della Curva Sud dell’Avellino non è tesserata.

Se non ci saranno cambiamenti dell’ultim’ora rispetto alle attuali (e discutibili) istruzioni pervenute dalla Calabria, i sostenitori irpini avranno appena 750 biglietti a loro disposizione per il settore a loro riservato (Curva Est). Ai quali, presumibilmente, si aggiungeranno almeno un altro paio di centinaia che, residenti altrove, avranno la possibilità di acquistare biglietti di altri settore (tutti di Tribuna).

curva sud avellino coreografia

Ad oltre 48 ore di distanza dal match del “Ceravolo“, risulta tutt’altro agevole abbozzare quelle che potrebbero essere le due formazioni che scenderanno in campo. Mister Rastelli può contare sull’organico al gran completo ed è tentato dalla possibilità di confermare in blocco l’undici che ha travolto l’Andria domenica scorsa. Quindi con De Angelis alle spalle del duo Castaldo-Biancolino, con il solito Zigoni pronto a subentrare in caso di necessità (anche visti i risultati in termini realizzativi della formula “part-time”).

Imbarazzo della scelta a centrocampo, dove il trio composto da Angiulli, Massimo e Bariti rappresenta eccellenti alternative a disposizione dell’allenatore, con D’Angelo, Millesi ed Arini che in questo momento sembrano irremovibili. Sia per il rendimento che alla luce delle recenti scelte operate dallo stesso Rastelli.

L’unica novità potrebbe essere il rientro di Pezzella, finito in tribuna domenica scorsa per il turn-over, sulla corsia mancina al posto di Bianco, uscito anzitempo contro l’Andria. Ma per quella maglia ci sarebbe anche Bittante che ben si è comportato quando è stato chiamato dal tecnico a sostituire proprio l’infortunato Bianco sulla fascia sinistra.

raffaele biancolino esultanza

Ma Rastelli, sin dalle prime uscite stagionali, ha sempre abituato i tifosi a cambi dell’ultim’ora, spesso anche imprevedibili. Con lui, insomma, non si può mai dare nulla per scontato. Figurarsi per la partita più importante della stagione.

In casa Catanzaro, invece, i padroni di casa dovranno rinunciare a Catacchini, fermato per squalifica dal Giudice Sportivo. Insieme a Masini, Carboni, Orchi, Ronaldo e Sirignano (ex di turno), faceva parte della lunga lista di diffidati prima dell’ultima gara giocata a Sorrento. Per il resto, il tecnico D’Adderio (uno che ai tempi del Foggia ad Avellino è stato sconfitto in una finale playoff con gol all’ultimo secondo) non dovrebbe stravolgere l’undici che ha espugnato il campo “Italia” di Sorrento. Fiducia al duo Masini-Russotto in avanti, con Fioretti pronto a subentrare a partita in corso. A centrocampo certa la presenza di Alberto Quadri, altro ex del match insieme al difensore Ciro Sirignano.

La gara sarà trasmessa in diretta streaming sul web, al costo di 5 euro per i privati e di 10 euro per gli esercizi pubblici (in entrambi i casi, solo per i possessori di Paypal), sul sito di un quotidiano locale della città di Avellino. Se le cose vanno come devono andare, sarà anche l’ultima.

Leggi anche -> Verso Catanzaro-Avellino, code ai rivenditori di biglietti (foto)
Leggi anche -> Catanzaro-Avellino in diretta tv streaming
Leggi anche -> Catanzaro-Avellino, solo 750 biglietti per i tifosi ospiti
Leggi anche -> Avellino, trasferta a Catanzaro: tifosi anche in aereo da Milano

Scritto da Gianluca Capiraso

Nato ad Avellino nel 1982, iscritto all'Albo Nazionale dei Giornalisti Pubblicisti nel 2000 (a soli 18 anni), da 5 anni vive a Milano dopo aver "girovagato" tra Roma e Firenze. Il suo primo articolo, pubblicato su un quotidiano locale, risale a inizio 1998, neanche 16enne. Segue da vicino le vicende sportive di diversi club italiani, dalla serie A alla Lega Pro. Segui @Capiraso

Serie A: Napoli-Inter a Giannoccaro, Ecco le Designazioni Arbitrali

Contestazione Silvio Berlusconi

Milan, il futuro di Allegri e quell’amore mai sbocciato con Berlusconi