Avellino, Biancolino da record: vicino alla 4a promozione in B coi Lupi

A pensare all’Avellino Calcio non può non venire in mente il nome di Raffaele Biancolino, noto ai tifosi dei lupi come il “Pitone”, protagonista delle migliori stagioni in Prima Divisione o serie C1 della formazione biancoverde, trascinata sempre dai gol dell’attaccante di Capodichino.

piton

Per lui quella di quest’anno potrebbe essere la quarta promozione in terra irpina in serie cadetta, con la possibilità di poterla anche giocare nella prossima stagione: spesso infatti il centravanti napoletano, arrivato in serie B con l’Avellino, non è riuscito a confermarsi ed è stato perciò spesso ceduto.

La storia di Biancolino ad Avellino inizia nel gennaio 2003, quando viene acquistato dal Chieti e già si rende protagonista di un gesto memorabile per i tifosi: assieme ad alcuni compagni di squadra spala la neve dal manto erboso del Partenio così da poter giocare la gara della successiva domenica proprio contro i suoi ex compagni. Sette sono i gol messi a segno in quella stagione che permettono alla formazione di Vullo il salto in B, salvo poi dover dire addio dopo un solo anno: nella serie cadetta Biancolino non rientra nei piani del nuovo tecnico Zeman, e viene ceduto al Venezia.

Biancolino però mostra sempre di voler tornare in Irpinia, e il sogno si avvera nel gennaio 2005 con il direttore sportivo irpino Pavarese, che lo convince a scendere in Lega Pro dalla B col Venezia: sarà decisivo con il suo gol al Napoli in finale play-off e nella stagione successiva viene confermato in B, dove però a causa di infortuni continui non giocherà con continuità e segna solo 6 gol. La stagione successiva è quella migliore per lui con ben 24 gol, di cui alcuni splendidi come quello alla Salernitana, e una nuova promozione ottenuta col Foggia in finale play-off.

In estate però la dirigenza, in primis il presidente Massimo Pugliese, decide di cederlo al Messina: da qui in poi inizieranno una serie di voci circa il suo ritorno che mai si materializzeranno. Ma Biancolino nello scorso agosto ha dovuto ricucire il rapporto col tifo irpino, deluso nel momento in cui, dopo il fallimento del 2009, il calciatore napoletano arrivò al campo di San Tommaso come futuro attaccante in serie D, salvo poi accettare le avance del Cosenza il giorno dopo. Numerose le polemiche e critiche anche dopo il suo passaggio nello scorso anno al Salerno Calcio in D, con i tifosi dell’Avellino che mai avrebbero pensato di perdonargli tale affronto.

Ma la stagione di quest’anno ha mostrato un Biancolino vero trascinatore con i suoi 10 gol, e domenica scorsa la salita in Curva Sud per festeggiare assieme ai suoi tifosi una promozione quasi certa: per domenica ci si attende la festa a Piazza Libertà con il solito Biancolino a fare da mattatore.

Scritto da Mattia Preziuso

Appassionato di calcio da sempre, e tifoso del Milan da anni.
Mi dedico alle maggiori news relative al club rossonero.
Seguo molto anche la Lega Pro.

Nuovo Allenatore Milan, se fosse Donadoni?

Calciomercato Milan, l’inspiegabile acquisto di Zaccardo