Udinese-Napoli, Fernandez: “Speriamo che possa arrivare un mio gol”

Udinese-Napoli è l’obiettivo di Federico Fernandez che ieri sera si è confessato dinanzi alle telecamere di “In Casa Napoli” in onda su PiuEnne equando gli è stato sottolineato che chiunque sia andato in trasmissione nella partita successiva è poi entrato nel tabellino marcatori, non ci ha pensato su due volte e ha risposto: “Speriamo he un mio gol possa arrivare già ad Udine”. E’ infatti il conquistare i tre punti contro la squadra friulana il primo obiettivo, anche se la testa vola già alla finale di Coppa Italia: “C’è sempre da migliorare, la Coppa Italia è rimasto l’obiettivo principale. Bisognerà restare concentrati, con la Fiorentina sarà una partita aperta”, ha detto il difensore argentino.

Proprio sulla fase passiva, messa a dura prova dalla critica, Feranndez ha tenuto a sottolineare: “All’inizio della stagione facevamo tanti gol e in difesa sembravano non esserci problemi. Contro la Lazio abbiamo vinto 4 a 2, credo che il problema non sia di uomini ma di fase difensiva. La squadra difende in 11 ed attacca tanto. Lavoreremo per migliorare questo aspetto, a differenza nostra ci sono tante squadre italiane che si chiudono con una doppia linea e poi sono brave a ripartire”. Sul modulo adottato da Benitez ha invece svelato: “Prima giocavamo con la difesa a 3 ed ora a 4. A Benitez piace che noi difensori usciamo palla a piede, che la giriamo veloce per ispirare il centrocampista o l’attaccante con un suggerimento filtrante”.

Quindi si è soffermato su Napoli città e su come vive il proprio rapporto con i tifosi: “Anche in Argentina la gente è calorosa, ma Napoli è speciale perché in città c’è un’unica squadra. La città gira intorno al calcio, ad un compleanno incontrammo un prete che ci disse che se noi vinciamo la gente è felice”.

Leggi anche — > Napoli-Roma 1-0: Reina, Fernandez ed Albiol le note più positive

Leggi anche — > Napoli è la fase difensiva la pecca della stagione: la conferma contro la Lazio