Tuttosport dà ragione a Sarri: “Il calcio italiano si è venduto mani e piedi alle tv”

In perfetta antitesi rispetto a quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, Tuttosport si schiera apertamente con Maurizio Sarri e lo fa anche con toni duri. Nessuno potrà certo accusare la redazione del noto quotidiano sportivo di essere vicina alle vicende o alle posizioni partenopee e, proprio per questo, certe dichiarazioni assumono ancora più valore.

In un articolo a firma di Xavier Jacobelli, pubblicato questa mattina, un’attenta ed accurata disamina di quelle “lamentele” che non sono poi solo di Maurizio Sarri.

Schermata 2016-03-20 alle 13.02.02

Per Jacobelli “Il calcio italiano si è venduto mani e piedi alle tv ed è incapace di organizzare un finale di stagione garantendo condizioni paritarie ai club che si battono per il titolo. In Lega fanno finta di non sentire, ma le parole di Maurizio Sarri dovrebbero spaccare i timpani ai fenomeni che hanno stilato il calendario della fase finale del campionato, trasformandolo in un indigesto spezzatino che rovina la fantastica volata scudetto.” Insomma … d’accordo su tutta la linea. Le obiezioni sollevate da Maurizio Sarri, in effetti, sono quelle proprie di tantissimi tifosi e di una marea di addetti ai lavori. Sarri, banalmente, lo dice in diretta, in conferenza stampa … assumendosi le responsabilità di ciò che dice e, soprattutto, facendo propria una sacrosanta verità.

Tuttosport, però, va addirittura oltre con un affondo tanto vero quanto impietoso: “L’importante è spezzettare, sminuzzare, disintegrare un calendario che non rispetta le esigenze degli appassionati e, men che meno, delle formazioni in corsa per il titolo. Poi c’è ancora chi si meraviglia se, dopo quindici anni, non ci sia un’italiana fra i primi sedici club di Champions League e di Europa League. Con questa disorganizzazione (vogliamo parlare della formula della Coppa Italia, della mancata istituzione del campionato riserve, del campionato che non comincia mai ad inizio agosto, degli stadi obsoleti e fatiscenti, eccetera eccetera?) è un miracolo che il Titanic non sia ancora affondato. Per ora.”

Leggi anche: