Mettete insieme i litigi tra fidanzati, il Napoli e Beppe Savoldi, l’attaccante che ha militato con la maglia azzurra dal ’75 al ’79. A primo impatto non sembrano avere assolutamente niente in comune. Ed invece no! Beppe Savoldi, il bomber dallo stacco di testa imperioso, pur essendo alto 1,75 cm, battezzato “Mister Miliardo” per via del trasferimento nel luglio del ’75 dal Bologna al Napoli per la cifra record di un miliardo e 400 milioni più Clerici e la metà di Rampanti, nel periodo napoletano, si scoprì anche cantante intonato, incidendo due singoli, precisamente nel 1978, “La favola dei calciatori”, e nel 1979, “Uè”.

E proprio quest’ultima canzone, dal simpatico motivetto, racconta i dissidi che animano una coppia di fidanzati, in procinto di lasciarsi. Beppe-goal, bergamasco doc, davvero super nel ritornello cantato in napoletano, mette in guardia la ragazza della coppia. “Uè!! Uè!! Ma che t’è mis ‘ncap?!? Pur’io me so’ scucciat ‘e te!! Uè!! È inutile che provi, io te lo dico adesso: un altro non lo trovi perché ccà nisciun è fesso!!”.

Care coppie tifose del Napoli ed attualmente in crisi, prendete il lato positivo. Fortuna per voi che la squadra azzurra si sia ripresa, inanellando 3 vittorie di fila, 2 in campionato ed una in Europa League, lasciandosi il periodo-no alle spalle. Volete mettere, infatti, insieme le difficoltà che state incontrando e quelle della vostra squadra del cuore?!?! Sarebbe stato poi davvero insostenibile andare avanti. Anzi, prendete esempio: compattatevi come ha fatto il Napoli in quest’ultimo periodo e guardate il futuro con ottimismo, insieme. Perché, come cantava Beppe Savoldi: “Un altro non lo trovi perché ccà nisciun è fesso!!”.