SSC Napoli, il Comunicato sul Ricorso contro la Squalifica

Arriva il duro comunicato della SSC Napoli in merito alla decisione del Giudice Sportivo Tosel che obbliga gli azzurri a disputare due gare a porte chiuse per quanto accaduto a Roma, in occasione della Finale di Coppa Italia. La società azzurra non sta a guardare, le due giornate di squalifica non vanno giù al patron De Laurentiis.

Con un breve comunicato, infatti, la SSC Napoli, tramite il proprio sito ufficiale annuncia il ricorso e, soprattutto, qualsiasi forma di tutela: “In merito alla gara disputata sabato 3 maggio all’Olimpico tra Napoli e Fiorentina per la finale di Coppa Italia, Tim Cup 2014, il Giudice Sportivo ha deliberato di infliggere alla SSC Napoli la sanzione dell’obbligo di disputare due gare a porte chiuse più una ammenda complessiva di 60.000 euro alla Società. La SSC Napoli valuterà ogni forma di tutela.”

Troppe due giornate di squalifica. Troppi 60.000 euro di multa. Il Napoli, per certi versi, è parte lesa. Parte lesa da un sistema che non è in grado di autoregolarsi e di gestire al meglio l’organizzazione di grandi eventi mediatici. L’offensiva di Aurelio De Laurentiis è pronta.

Leggi anche –> Squalifica San Paolo, il Napoli due turni a porte chiuse
Leggi anche –> SSC Napoli, il Comunicato di De Laurentiis per la famiglia di Ciro Esposito

Scritto da Massimo Esposito

Napoletano di nascita e cilentano d'adozione, è appassionato di letteratura sportiva e del Calcio Napoli. Nasce economista per svista con la grande necessità di comunicare e di trasmettere. Di condividere e di parlarne. Il tempo libero (spesso troppo) è dedicato alle sue grandi passioni, tra cui i cani. Massimo Esposito su Twitter

Mentana contro Alfano: “Speziale Libero non è reato” (Video)

Scarcerato Ciro Esposito, lo rivela l’avv. Pisani ai microfoni di Sky