Squalifica Hysaj, l’albanese salta una Giornata di Campionato

È arrivata la sentenza del Giudice Sportivo in merito alla squalifica di Hysaj. Il terzino albanese del Napoli è stato espulso nel corso di Hellas Verona-Napoli per aver commesso un fallo di gioco su Bessa, attaccante veronese lanciato a rete. Il pupillo di Sarri salta solo una giornata di campionato, quella contro l’Atalanta, prevista domenica 27 agosto alle 20.45. Batosta pesante, invece, per l’Hellas Verona. Questa la sentenza del Giudice Sportivo in merito alle sanzioni relative alla prima giornata di Serie A.

“Una giornata di squalifica per Elseid Hysaj, difensore della società SSC Napoli” – comunica il Giudice Sportivo. Il terzino azzurri ha commesso un fallo da ultimo uomo nella propria area di rigore, ai danni dell’attaccante Bessa. L’irregolarità commessa da Hysaj e sanzionata col rosso dall’arbitro Fabbri, non è mai esistita realmente. A commettere il fallo in quell’azione fu l’attaccante veronese ma non vi fu intervento del Virtual Assistant Refree (VAR).

Squalifica a Hysaj e batosta al Verona

In occasione di Hellas Verona-Napoli è andato in scena un teatrino raccapricciante sugli spalti dello Stadio Bentegodi, con protagonisti i tifosi veronesi. Prima, durante e dopo la sfida contro il Napoli, i tifosi scaligeri hanno rivolto offese e cori razzisti nei confronti degli avversari. Una mossa che non è sfuggita all’occhio vigile del Giudice Sportivo, il quale ha punito la società veronese con una multa con ammonizione. Questa la comunicazione del Giudice Sportivo riguardo i comportamenti dei tifosi scaligeri.

“Ammenda di 30.000 euro con diffida ai danni della società Hellas Verona. La maggior parte dei sostenitori della compagine veronese ha indirizzato cori di origine razziale e di discriminazione territoriale nei confronti dei napoletani”.

Scritto da Simone Di Pietro

Appassionato folle della SSC Napoli e del calcio estero. Classe '97.

Comunicato SSC Napoli ai tifosi napoletani: Niente sciarpe o simboli a Nizza”

Nizza-Napoli, niente lutto al braccio per gli azzurri: La UEFA rifiuta