Sosia di Benitez a Napoli: l’impressionante somiglianza di Sergio Vulcano

E’ sicuramente uno degli artefici di questo brillante cammino d’inizio stagione del Napoli. Se i partenopei sono lassù, a ridosso delle prime in classifica, è anche merito suo. E’ il personaggio di maggior spessore internazionale insieme ad Higuain, visti i numerosi trofei vinti nel corso della sua carriera con più squadre e in più nazioni. Stiamo parlando di Rafa Benitez, il vero fuoriclasse dell’armata Napoli che sta guidando i suoi alla conquista di almeno uno dei tre trofei messi a disposizione per la sua squadra in questa stagione.

La vita del tecnico è molto riservata e difatti si sa molto poco della sua famiglia e delle sue abitudini giornaliere, al di fuori del terreno di gioco. A qualcuno, però, potrà essere sembrato d’averlo incontrato varie volte nella città partenopea, in uno dei posti più affollati di Napoli: a Piazza Garibaldi, in particolare. Qualcuno si sarà anche stupito, poi, nel vederlo dietro un bancone del bar Mexico, vicino alla stazione Centrale. In realtà, non vi stiamo raccontando di qualche candid camera di cui si è reso protagonista il tecnico spagnolo ma di un vero dipendente del locale napoletano la cui somiglianza con Benitez ha lasciato di stucco e confuso molti dei tifosi napoletani che ogni giorno frequentano quella zona.

Stiamo parlando di Sergio Vulcano, 47enne barista napoletano, che è stato addirittura intervistato da La Repubblica per via di questa incredibile somiglianza. “Me l’avevano già detto in passato, – ha riferito il signor Sergio – però dopo l’arrivo del tecnico spagnolo sulla panchina azzurra le richieste di fotografie e autografi sono decisamente aumentate“.

sergiooooo

A cascarci sono stati non solo i tifosi più accaniti ma, addirittura, anche qualche agente in divisa, come lui stesso ha raccontato: “Una mattina, all’alba, una volante della polizia mi lampeggiò: ciao mister!“. Insomma, una storia divertente che, al diretto interessato, non infastidisce per nulla: “Non è un fastidio, mi presto volentieri al gioco anche se spesso mi sento osservato. D’altronde lavoro a contatto con le persone, prima di iniziare al bar Mexico di piazza Garibaldi, dove il presidente De Laurentiis venne a prendersi un caffè la notte del trionfo in Coppa Italia, ho lavorato in pizzeria. E poi Benitez mi sembra una persona perbene e un allenatore pacato“.

Il signor Sergio è poi un grande amante del calcio ma soprattutto un tifoso sfegatato del Napoli, la sua squadra del cuore che ha seguito più volte nella sua vita, sin dai tempi di Maradona concedendosi addirittura la finale di Coppa Uefa nel lontano 1989 a Stoccarda per finire poi all’ultimo incontro di Champions League contro il Marsiglia. Infine, un suo parere sull’avvento del nuovo tecnico, nonché suo sosia: “Finalmente vediamo un bel calcio, uno spettacolo per noi appassionati. Negli ultimi anni si era badato soprattutto alla fase difensiva, mi sembra che lo spagnolo abbia cambiato la mentalità della squadra“.

Leggi anche –> Benitez: “Il gol di Llorente è stata una doccia fretta”

Leggi anche –> Higuain su Twitter sul rigore non concesso

Leggi anche –> Napoli-Marsiglia: la sintesi targata Auriemma