Maurizio Sarri è stato definito razzista dall’allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, dopo un acceso diverbio avvenuto durante Napoli-Inter: secondo Auriemma tutto ciò fa parte di un vergognoso attacco mediatico.

Auriemma si è espresso sulla questione che sta tenendo banco da ieri attraverso il suo profilo Twitter: “Vergognoso attacco mediatico dopo Napoli-Inter con intenti destabilizzatori: altro che omofobia, il problema è lo scudetto. #iostoconsarri“. L’opinione pubblica è ormai divisa tra chi dà ragione a Sarri, cercando di giustificare in qualche modo le frasi che però sono senz’altro gravi, e Mancini. Il tecnico dell’Inter, però, se si è sentito offeso avrebbe dovuto anche condannare gli striscioni dei suoi tifosi che accolgono i napoletani in modi non certo amichevoli. Non vorremmo che il tutto sia stato architettato ad arte per aizzare un attacco mediatico contro Napoli e tentare di destabilizzare la piazza, che mai come ora deve fare fronte comune e stringersi intorno alla squadra e all’allenatore.

Leggi anche:

Napoli-Inter 0-2, Sarri: “Sono cose che dovrebbero restare in campo”

Video-Intervista, Mancini contro Sarri: “Mi ha chiamato finocchio”

Sarri, Mancini e il finocchio: ironia del web

Sarri razzista? Tuttosport: “Siamo tutti Mancini”