Sarri Omofobo? Mancini chiamò Frocio un Giornalista a Firenze

Escono nuovi particolari su Roberto Mancini dopo il duro attacco a Sarri ritenuto omofobo. L’allenatore dell’Inter infatti chiamò gay, letteralmente frocio, un giornalista a Firenze quando allenava la squadra viola. Come ricorda Firenzeviola che ha tirato fuori questa storia Mancini, non nuovo a interventi razzisti vedi il caso Mihajlovic-Vieira e le dichiarazioni sugli striscioni contro i napoletani, avrebbe apostrofato con la parola frocio, ora tanto criminalizzata dallo stesso Mancini, un giornalista durante una conferenza stampa.

I fatti raccontano di un Mancini abbastanza alterato, visto l’inizio non proprio edificante di quella stagione (era il 2001-2002) dopo che l’anno precedente aveva vinto la Coppa Italia, e che proferì la parola frocio contro un giornalista cercando anche di colpirlo con pugni e schiaffi. Solo l’intervento di altri giornalisti presenti alla conferenza stampa evitò che lo scontro potesse degenerare. La stagione poi finì anzitempo per Mancini poiché a gennaio decise di dimettersi dopo altri risultati negativi.

Leggi anche:

Scritto da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

Sarri Omofobo, Mancini: “Qualche Gay si può suicidare”

Tifosi Napoli, Severgnini: “Seppelliscono di fischi gli Avversari: non si fa”