Il tecnico Maurizio Sarri ha rilasciato alcune dichiarazioni nella conferenza che precede Sampdoria-Napoli, dichiarando che sarà una partita dura e che ci sarà bisogno della massima concentrazione.

Ecco le sue parole: “Domani è una gara contro una squadra che qualitativamente vale di più rispetto alla classifica, che sta cambiando modo di andare in campo con le idee di Montella che iniziano a vedersi. Anche la Juventus ha sofferto a Genova, sarà una gara molto difficile. Mi aspetto il solito atteggiamento. La partita con l’Inter andava aggredita, ma l’esperienza ti aiuta e l’anno scorso dopo i supplementari con l’Empoli contro la Roma, poi abbiamo sofferto la gara successiva e per questo ho gestito il match mentre andava aggredito, poi andando ai supplementari pazienza…” Alcune parole anche sul caso Mancini: “Sono molto contento che Mancini abbia accettato le scuse, poi c’è poco da dire, la vicenda si chiude e aggiungo solo che mi è dispiaciuto passare per razzista ed omofobo, potrei sconfessarlo velocemente ma tirerei in ballo cose fatte e persone, ma un certo tipo di cose si fanno in privato senza pubblicizzarlo. Ho sbagliato, ma a differenza di quanto accade solitamente in Italia mi sono preso le mie responsabilità. Chiudo la vicenda e non ne parlerò mai più”.

Leggi anche:

Mancini e Sarri a Le Iene, tecnico dell’Inter accetta le Scuse

Matteo Renzi su Mancini-Sarri: “Omofobia crea sofferenza”