La cronaca della gara tra la Salernitana e il Savoia non può che partire dal minuto di raccoglimento per il giornalista salernitano Claudio Roscia. Parte la gara e chi pensa che il Savoia sia venuto all’Arechi a fare le barricate si sbaglia di grosso. I napoletani, nei primi minuti, ribattono colpo su colpo e sfiorano a più riprese il gol.

Come sempre accade però, alla prima grande occasione, la squadra con maggiore qualità offensiva passa in vantaggio. E’ il 10° minuto quando un’azione che si sviluppa sulla sinistra porta ad un cross su cui si avventa al centro dell’area di rigore Nalini che di testa porta la Salernitana in vantaggio. Pochi minuti dopo è Pestrin dal limite a sfiorare il raddoppio.

Nonostante lo svantaggio però, il Savoia non si arrende e riprende a giocare, affidandosi soprattutto alle incursioni dalla sinistra dell’ex Scarpa che è il lume della squadra. Si vede per molti minuti del buon calcio con due squadre che non buttano via palloni, rischiano nei disimpegni  e danno vita ad una partita gradevole.

Al 20° Sevieri prova ad impegnare Gori dai 30 metri ma il suo tiro è debole. Due minuti dopo, su pressing degli avversari, lo stesso portiere granata blocca una palla facendo traballare le coronarie degli 8000 dell’Arechi. Al 30° minuto Pestrin viene ammonito per un fallo diretto ad interrompere una pericolosa ripartenza della squadra di Torre Annunziata.

Due minuti dopo è il calciatore del Savoia Di Nunzio a finire sul taccuino dell’arbitro per un’entrata su Negro. Alla fine del primo tempo, quando sembra che le squadre controllino, arriva il raddoppio della Salernitana con Negro che raccoglie di testa l’ennesimo cross millimetrico di uno strepitoso Nalini dalla destra battendo il Savoia per la seconda vota. Si chiude 2-0 il primo tempo ma con un Savoia tutt’altro che rassegnato.

Parte la ripresa e si capisce che i granata sono un po’ a corto di fiato. E’ il Savoia a fare la partita e si affida ai piedi di Scarpa. Menichini, dopo pochi minuti di gara, sostituisce l’ottimo Nalini, che ha avuto una settimana difficile, con Tuia, spostando Colombo nel ruolo del primo. La Salernitana subisce ma non rischia mai seriamente di capitolare.

Al 52° Scarpa ci prova su punizione, ma la palla è alta. Più pericoloso l’ex granata diventa circa 10 minuti dopo quando, su un’analoga punizione, impegna seriamente Gori che ribatte. La Salernitana subisce la manovra avversaria e così al 72° Menichini per alzare il baricentro inserisce il rientrante Gabionetta per lo stanchissimo Colombo e il brasiliano ci prova in un paio di occasioni.

Da qui alla fine c’è da segnalare solo l’espulsione di Menichini per proteste. Ottimo risultato per i granata contro un buonissimo Savoia.

Leggi anche