Roma-Napoli 2015, Garcia: “La difesa è il punto debole degli azzurri”

L’allenatore della Roma Rudi Garcia ha tenuto la consueta conferenza stampa alla vigilia dell’attesissima sfida tra Roma e Napoli. Il tecnico, apparso molto carico e concentrato, non si nasconde dietro ai problemi di formazione ed esordisce così: “Domani saremo in due a voler vincere, non serve a niente parlare della gara di andata. Domani ci saranno due grandi squadre, ottimi giocatori e un grande arbitro: mi auguro che sia una festa. Sarò Senza Totti e Gervinho, ma ho altre sei scelte in attacco; metterò in campo un tridente con giocatori complementari. Ibarbo e Doumbia sono migliorati tanto in queste settimane di lavoro e sono vicini al top della forma. Possiamo fare di più, certo, ma siamo ancora secondi e questo vuol dire che abbiamo fatto i primi sei mesi eccezionali. Il campionato non si ferma qua: vogliamo prendere il massimo dei 30 punti in palio da qui a fine stagione”.

Dunque in sala stampa si è visto un Garcia agguerrito e spavaldo, ma consapevole anche della forza del Napoli. L’allenatore dichiara di sapere come battere la squadra di Benitez:Vogliamo mettere in difficoltà la difesa: è una squadra che ha preso diversi gol. Faremo la nostra partita. Higuain? Non possiamo pensare solo a lui. Dobbiamo saper difendere in undici: servirà una squadra solida come a Cesena. Benitez è un ottimo allenatore, ma faremo di tutto per vincere e per conquistare la Champions League”. In chiusura, Garcia ammette: “Durante la stagione gli obiettivi possono cambiare: non giocare più in mezzo alla settimana ora sarà un vantaggio”.

Leggi anche: