Roma-Lazio 1-1, le Pagelle: Totti ed Hernanes i Migliori

hernanes

I MIGLIORI

TOTTI 7,5: ennesima dimostrazione di potenza calcistica eccelsa, ennesima grande prestazione alle porte dei 37 anni. Come fa a preservarsi così? Grande professionalità e costanza sono le sue doti migliori. Grande capitano, grande uomo. Gioca una partita quasi perfetta, realizza come suo solito il rigore dell’1-1, sfiora il raddoppio con un paio di folgori su punizioni, assiste i compagni e va a prendere palloni a centrocampo. Serve altro? Immenso!

FLORENZI 6,5: il giovanotto dell’under 21 italiana si conferma su buoni livelli in una partita infuocata come il derby. Strappa sulla fascia, recupera palloni e cerca giocate di qualità. Insomma, non ha paura di azzardare. Bella scoperta per questa Roma.

MARQUINHOS 6,5: gli occhi di mezza Europa sono puntati su di lui, e a ben donde. Il ragazzino brasiliano infatti offre una prestazione di sostanza. Gioca di anticipo, dimostra di avere grandi doti, sia in velocità che tecniche (essendo brasiliano). Non ha paura degli avversari e li affronta sempre a viso aperto. Sarebbe un delitto privarsi di un giocatore del genere, giovanissimo per altro.

HERNANES 6,5: è vero: sbaglia un rigore e ne procura uno che sarà poi decisivo per il risultato finale, ma come si fa a punire oltremodo un giocatore che realizza una prodezza come quella dell’1-0? Un goal semplicemente delizioso, superlativo. Finta di destro e tiro di sinistro quasi da fermo. Palla scagliata nell’angolo alto, e Stekelemburg può solo ammirare. Per il resto buon movimento e gli errori sopra citati.

ONAZI 6,5: niente male questo nigeriano tutto d’un pezzo. Si mette in mediana e fa legna, infastidendo oltremodo ogni avversario che si permetta di transitare nei suoi territori di caccia. Un pizzico di qualità in più, e diventerà il centrocampista perfetto per questa Lazio.

LEDESMA 6,5: i capitani fanno la voce grossa: se da una parte c’è un Totti superlativo, dall’altra c’è un Ledesma operaio e artista allo stesso tempo. Canta e porta la croce. Interdice e riparte. Stoppa le avanzate romaniste e poi lancia millimetricamente. Sostituito nel finale dopo l’espulsione di Biava, per ragioni tattiche. Mah.

I PEGGIORI

MARQUINHO 5,5: tutto fumo e (purtroppo per la Roma) pochissimo arrosto. Parte sulla fascia sinistra, cerca di accentrarsi, gioca tanti palloni ma in quanto a incisività dimostra di non essere in grado di assumersi troppe responsabilità. Rimandato.

DE ROSSI 5,5: non è ancora il miglior De Rossi. Primo tempo discreto, mentre nella ripresa gioca male fino a farsi male ed essere sostituito. Deve ancora fare passi avanti se vuole conquistare la leadership insieme ad un fantastico Totti.

BIAVA 5,5: la prima ammonizione non c’era, questo è vero, ma un giocatore della sua esperienza non può farsi cacciare fuori per una ingenuità come quella dl secondo cartellino giallo. Aveva giocato bene fino a quel momento.

KLOSE 6: punirlo sinceramente sembra un pò troppo, ma il tedesco, tornato titolare dopo tanto tempo, non è per niente incisivo lì davanti. Guadagna qualche punizione, si sbatte, ma non può avere la necessaria lucidità. Per il miglior Klose bisognerà attendere.